Pompei: trovata la testa dell’ultimo fuggiasco, rivela come morì

Valentina Cosentino
Pompei: trovata la testa dell’ultimo fuggiasco, rivela come morì
Vota questo articolo

E’ della scorsa settimana la notizia del rinvenimento di uno scheletro conservato solo nei suoi arti inferiori negli scavi di Pompei della Regio V.
Gli archeologi avevano ipotizzato che l’uomo attardatosi nella fuga, i suoi resti erano già sul primo strato di lapilli, era poi morto colpito da un blocco di pietra sul torace, blocco rinvenuto ancora in situ e che ne nascondeva la parte superiore dello scheletro.

 

E’ stato ritrovato ieri anche il cranio ad una quota motlo più bassa del resto dello scheletro. La parte superiore del corpo era collassata per i cedimento del terreno causa di un cunicolo scavato in età forse in età borbonica.

 

Il cranio perfettamente conservato rivela forse la causa della morte del fuggiasco, infatti la bocca è completamente spalancata, segno che probabilmente morì soffocato a causa del flusso piroclastico.

 

Gli arti superiori hanno anche rivelato una serie di fratture la cui natura è in corso di studio come del resto tutto lo scheletro.

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu