Al Vomero, cucina multietnica e street food: da Gallus il pollo diventa gourmet

Eliana De Leo
Al Vomero, cucina multietnica e street food: da Gallus il pollo diventa gourmet
Vota questo articolo

Parliamoci chiaro: il pollo fritto è una delle cose più buone che ci siano. Mia madre, per esempio, è sempre stata una grande cuoca e quando fa le coscette, le frigge. Esatto: le cosce, intere, impanate, fritte. È una goduria, per l’olfatto, per la vista e per il gusto.

 

Detto questo, immaginate la stupore e la gioia nel sapere che a Napoli, a viale Michelangelo al Vomero ha inaugurato da poco un posto che si chiama Gallus, che cucina soltanto pollo.

 

Pollo gourmet, ça va sans dire, cucinato in tutte le salse: una cucina plurietnica, dicono, ideale a soddisfare il palato di ogni cittadino del mondo, dall’Oriente, agli Stati Uniti, all’Europa. L’intento, è sperimentare nuovi sapori e rinnovare i piatti di pollo con un nuovo senso del gusto. Il pollo a regola d’altro. È così che si presenta il ristorante Gallus, sulla propria pagina facebook.

 

Straccetti di pollo alla paprica, accompagnati da salsa barbecue fatta col Jack Daniels, ciabatta croccante con soffritto di pollo e fonduta di burrata ma anche pennetta rigata di Gragnano con genovese di “poulet de bress” e cipolla di Montoro, vellutate e risotti, piatti che spaziano dallo street food alla tradizione quelli che anche a pranzo propone lo chef Gallo, neanche a dirlo. Accompagnati sempre da un consiglio su qualcosa di buono da bere da associarci, dalla birra ad una discreta carta dei vini.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu