Piazza del Plebiscito e l’antica maledizione nascosta

Piazza del Plebiscito, la piazza di Napoli per antonomasia, nasconderebbe un'antica maledizione che affascina turisti e napoletani.

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 10 Ott 2023
1512
Foto da Wikimedia Commons

Quando eravamo piccoli, tutti – almeno una volta – abbiamo cercato di percorrere a occhi chiusi la piazza più vasta e monumentale di Napoli. Piazza del Plebiscito, si trova nel cuore della città ed è circondata da magnifici e importanti edifici, quali la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Reale, il Palazzo della Prefettura e il Palazzo Salerno. Oggi è una delle mete fisse dei turisti,ed è completamente pedonalizzata. Lo spazio ospita spesso manifestazioni e concerti ma non tutti sanno nasconde anche una maledizione.

Piazza del Plebiscito: come nasce l’antica maledizione?

Situata ai piedi della collina di Pizzofalcone, grande circa venticinquemila metri quadrati, ha alle spalle la basilica di San Francesco di Paola, eretta a modello del Pantheon da Ferdinando I di Borbone. Ai lati il palazzo Salerno, edificato dall’architetto Francesco Securo alla fine del XVIII secolo, e il palazzo della Prefettura, eretto intorno al 1815 da Leopoldo Laperuta. Di faccia, il Palazzo Reale, una delle quattro residenze regali dei Borbone. La maledizione di cui stiamo parlando fu lanciata dalla regina Margherita.

Campania Libri Festival, Mario Martone: “Il mio è un cinema autodidatta”

In cosa consiste la famosa “maledizione” lanciata dalla regina?

La tradizione narra che la regina Margherita concedesse, una volta al mese, a uno dei suoi prigionieri di avere salva la vita a patto di superare una prova: passare, bendato, tra le due statue equestri situate al centro di piazza del Plebiscito, partendo dalla porta di Palazzo Reale che si trova al centro delle due opere. Inutile dire che nessun prigioniero superò mai la prova. I più superstiziosi dicono che è per la maledizione della sovrana se, ancora oggi, in molti non riescono in questa impresa. Ma dare la “colpa di tutto ciò alla regina Margherita è un errore: in realtà tutto dipende da una questione neuropsichiatrica.

Per cercare di passare in mezzo ai due cavalli ci affidiamo al nostro senso dell’equilibrio regolato dal sistema vestibolare, che si trova nell’orecchio, e dal cervelletto. Ma se camminiamo bendati le loro percezioni si attutiscono e noi siamo portati a utilizzare gli altri sensi. Ci regoliamo così in base ai rumori e alle sensazioni epidermiche. Di conseguenza è facile sbagliare strada specialmente se ci troviamo all’interno di uno spazio particolarmente ampio. C’è di più, perché il suolo di piazza del Plebiscito, è anche pendente e irregolare. Un connubio di difficoltà che rende ancora più difficile l’impresa.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...