Pasqua e Pasquetta da record per i musei campani

Valentina Cosentino
Pasqua e Pasquetta da record per i musei campani
Vota questo articolo

Pasqua e Pasquetta 2017 premiano i musei. Molto attesi erano i risultati della Reggia di Caserta, riaperta al pubblico nel giorno di pasquetta dopo ben 25 anni che ha fatto registrare circa 9.000 presenze. Nessun incidente per turisti concentrati essenzialmente nel parco o danni al patrimonio controllato per l’occasione da oltre cento addetti ai servizi di vigilanza coadiuvati anche dalle forze di polizia, carabinieri e guardia di finanza nell’area esterna e interna alla biglietteria e ai controlli con metal detector.

E’ però di nuovo Pompei che ieri ha fatto registrare 17.000 ingressi (che seguono i 13453 di domenica ed i 12278 di sabato)

A Napoli il museo di Capodimonte ha fatto registrare 3567 ingressi grazie alla mostra “Picasso Parade” con lunghe file per la biglietteria. A Capodimonte segue l’Archeologico con  più di 2200 dopo le 2800 del giorno di Pasqua.
Ma i turisti e i Napoletani hanno dimostrato di gradire anche Cappella Sansevero, Palazzo Zevallos e Palazzo Reale dove in settimana era stata inaugurata la mostra fotografica di Gianni Fiorito su “The Young Pope”.

Code anche per visitare la mostra “Totò genio” con oltre 5.000 presenze nelle sue tre sedi di esposizione.

Ancora sempre per pasquetta sono stati 4783 i visitatori del Museo Tesoro di San Gennaro e oltre 5000 per Città della Scienza, per la visita ai nuovi padiglioni: “Corporea” e il nuovo Planetario 3d.

Fonte e foto Repubblica.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu