Palazzo Pandola: la storia di un celebre palazzo amato dal cinema

Monumenti
Articolo di , 19 Apr 2021

 

Napoli è per antonomasia la città dalle mille sfaccettature, ricca di storia e di monumenti che hanno sancito la sua bellezza e la sua grandezza.

A far da cornice sono senz’altro i palazzi che arricchiscono la tradizione della città.

 

Tra i più belli in assoluto ci sono quelli del centro storico ed un esempio di questi è rappresentato da Palazzo Pandola.

Situato in piazza del Gesù Nuovo, a pochi passi dalla Chiesa del Gesù Nuovo e dal complesso monumentale di Santa Chiara, e quindi proprio nel seno della città, il palazzo fu acquistato nel 1823 da Gaetano Pandola. Egli era sposato con Amelie Higgins, una donna irlandese molto amica della baronessa Poerio. Alle due è legato un aneddoto molto particolare: si dice che la Higgins tenne nascosto il figlio della baronessa, Carlo, prima che questi potesse poi fuggire in Irlanda. Ciò perché il giovane era stato condannato all’ergastolo nel processo che subì per aver partecipato ai moti del ’48 ed era, di conseguenza, ricercato dalla polizia borbonica.

Tuttavia, con l’annessione al Regno di Napoli egli tornò e fu eletto alla Camera dei Deputati. Morì in seguito a Firenze nel 1867.

 

Ad esso fu molto legato anche Guglielmo Oberdan, il quale si predisponeva ad organizzare un violento attentato contro l’imperatore austriaco Francesco Giuseppe

 

Il palazzo, comunque, alla morte dei Pandola, fu ereditato dai figli Eduardo ed Enrico. Entrambi si ricordano come molto legati alla fede liberale.

 

Dunque, un palazzo pieno di emozioni ed eventi storici che hanno segnato negli anni la nostra splendida città.

 

Curiosità non meno importante, inoltre, è quella che vede il palazzo protagonista di due dei film iconici per la città, uno, l’Oro di Napoli, interpretato da Vittorio de Sica nei panni di un nobile decaduto, l’altro, Matrimonio all’Italiana.

 

Lo stile che originariamente rappresentava il maestoso palazzo era sicuramente quello tardo barocco. Solo in un secondo momento la facciata dello stesso fu modificata, rientrando in uno stile neoclassico. Furono infatti creati dei balconi, un importante cornicione e un portale.

Sicuramente, però, la cosa che incanta maggiormente quando vi si accede è la scala tipica di molti dei palazzi napoletani (simile, infatti, al palazzo dello Spagnolo): una scala aperta settecentesca ornata ed abbellita con splendide decorazioni pittoriche.

 

Un esempio, questo, di bellezza, prestigio e maestosità, che rende quella Piazza tanto amata dal popolo di Napoli ancora più accogliente e incantevole.

 

Fonte: Aurelio de Rose, I palazzi di Napoli

Foto: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...