Ospedale Covid – 19, il Presidente De Luca in visita al cantiere: a fine settimana i primi letti

Valentina Cosentino

 

Dopo l’arrivo tra gli applausi dei cittadini dei TIR con i moduli per il nuovo ospedale da campo lunedì sera, sono iniziati ieri mattina i lavori di allaccio delle strutture nell’area che era stata predisposta nel parcheggio dell’Ospedale del Mare.

 

Anche il Presidente Vincenzo De Luca non poteva mancare all’inizio dei lavori che ha scherzato con gli operai apprezzando l’enorme sforzo che stanno compiendo.

 

La ditta che ha vinto l’appalto regionale per l’allestimento degli ospedali da campo in Campania, per una spesa totale di oltre 12 milioni di euro, è la Manifacturing Engineering Development della provincia di Padova specializzata da 17 anni nella realizzazione di reparti ospedalieri che consegna completamente allestiti, riducendo in tal modo i tempi di costruzione e di allestimento.

 

Ciro Verdoliva, presidente della Asl Napoli 1 così si pronuncia sui tempi di allestimento: «Prevediamo di terminare l’allestimento del reparto ospedaliero prefabbricato a Napoli subito dopo Pasqua. Saranno disponibili i primi 24 posti di terapia intensiva straordinari per l’emergenza coronavirus, che si aggiungono ai 20 in funzione all’Ospedale del mare destinati però a patologie diverse del Covid-19».

Ed entro fine settimana saranno già pronti i primi due moduli ognuno da 24 posti letto di terapia intensiva (che naturalmente possono all’occorrenza essere destinati anche a degenze non gravi). Alla fine dei lavori i posti totali saranno 72 di terapia intensiva.

 

I moduli sono già provvisti di impianto elettrico e devono essere solo montati gli attacchi idrici. Già presenti anche gli arredi che dopo il posizionamento dei macchinari verranno allestiti. Al momento l’unica incognita sono i ventilatori che devono arrivare dalla Cina e seppure attesi entro fine settimana sono soggetti alle incognite della spedizione che può sempre subire ritardi.

 

I nuovi posti letti saranno affidati al dott. Pio Zannetti direttore di anestesia e rianimazione dell’Ospedale del Mare. I moduli sono dotati anche di un reparto TAC dedicato per controllare in tempo reale lo stato di avanzamento della polmonite che è appunto lo stadio più avanzato della malattia.

 

In stato fase costruzione anche gli ospedali modulari previsti a Caserta  e Salerno

 

Fonte: repubblica.it

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu