Nuovo studio genetico sul carcinoma polmonare: arruolato paziente del Pascale

Valentina Cosentino

 

Le ricerche nella lotta alle varie forme tumorali diventa sempre più avverinistica e specialistica. E’ in fase di sperimentazione un nuovo farmaco per il carcinoma polmonare che agisce sulla mutazione genetica che genera le cellule tumorali.

 

Per questo studio è stato scelto anche un paziente oncologico in cura presso l’Istituto Pascale di Napoli. Ad inserire il paziente nella sperimentazione, un cittadino di Sorrento di 44 anni, è stato il dott. Alessandro Morabito, direttore della struttura complessa di oncologia polmonare dell’Istituto dei tumori di Napoli.

Il nuovo farmaco agisce selettivamente sulla  forma mutata del gene Ret. Un progetto importante che rinnova l’alta qualità del centro di cura e assistenza napoletano.

 

La somministrazione della nuova terapia è iniziata la scorsa settimana una volta individuata la mutazione Ret dalla biopsia effettuata dal gruppo coordinato da Nicola Normanno.

Grande soddisfazione del direttore scientifico del Pascale, Gerardo Botti:  «Queste mutazioni sono estremamente rare e difficili da individuare. Nel nostro Istituto è stato possibile trovare la fusione del gene RET grazie all’utilizzo di sofisticate tecnologie di sequenziamento per l’analisi della biopsia liquida. L’integrazione di ricerca clinica e di laboratorio nel Pascale rende così possibile l’applicazione di terapie innovative ai pazienti oncologici. Speriamo a questo punto che il farmaco si riveli all’altezza delle aspettative».

 

Fonte: ilMattino.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu