La ricetta della Neapolitan cake, la torta che fa impazzire gli States!

Avatar
Vota questo articolo

Ultimamente negli Stati Uniti sta spopolando una torta che prende il nome dalla nostra città: la Neapolitan cake. Ma come mai gli Americani hanno deciso di chiamare uno dei dolci più popolari del momento “Torta napoletana”? La storia di questo delizioso dessert ha origini antiche e risale al 19° secolo, periodo in cui molti napoletani decisero di emigrare verso il nuovo continente, portando con sé le ricette e le tradizioni culinarie della propria terra d’origine. Tra gli alimenti nostrani più amati dagli Americani ci sono sicuramente la mozzarella e la pizza (nonostante le varianti più bizzarre, come quella con l’ananas!), ma non bisogna dimenticare che anche il gelato è da sempre molto apprezzato: gli Spumoni, ad esempio, furono introdotti negli Stati Uniti nel 1870 e da allora furono ribattezzati “Neapolitan-style ice cream”, suscitando un grande successo. Inizialmente venivano utilizzati diversi ingredienti, ma col tempo furono assemblati insieme tre gusti di gelato, come a voler imitare i colori della bandiera italiana. In seguito, tuttavia, i gusti standard del gelato in stile napoletano diventarono il cioccolato, la vaniglia e la fragola per via della grande richiesta da parte dei clienti.

Neapolitan cake, una torta con tre strati di bontà

Dal gelato è nata l’idea di creare la Neapolitan cake, un dolce a tre strati che oltre ad essere buonissimo è anche bello da vedere, grazie alla varietà di colori e ai decori che lo rendono un capolavoro di pasticceria. Questo dessert richiede molto impegno e una certa abilità perché oltre ai vari strati bisogna preparare anche tre diverse glassature, dette frosting, che vanno applicate con l’aiuto di una sac-à-poche dal beccuccio stretto. Vediamo quali sono gli ingredienti per 10/12 persone:

Per lo strato alla fragola:

  • ⅓ tazza di latte intero
  • ⅓ tazza di marmellata di fragole
  • 3 albumi
  • ½ cucchiaino di estratto di fragola (opzionale)
  • ¼ tazza di farina
  • ⅔ tazza di zucchero granulato
  • 2 cucchiaini di lievito
  • ½ cucchiaino di sale
  • 6 cucchiai di burro senza sale
  • colorante per alimenti rosso o rosa (opzionale)

Per lo strato al cioccolato:

  • 1 tazza di zucchero granulato
  • ¾ tazza più due cucchiai di farina
  • ⅓ tazza di cacao amaro in polvere
  • ¾ cucchiaino di lievito
  • ¾ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • ½ cucchiaino di sale
  • 1 uovo
  • ½ tazza di latte intero
  • ¼ tazza di olio vegetale
  • 1 cucchiaino di estratto alla vaniglia
  • ½ tazza di acqua bollente

Per lo strato alla vaniglia:

  • ½ tazza di latte intero
  • 3 albumi
  • ½ cucchiaino di estratto alla vaniglia
  • 1 tazza più due cucchiai di farina
  • ¾ tazza più due cucchiai di zucchero granulato
  • 2 cucchiaini di lievito
  • ½ cucchiaino di sale
  • 6 cucchiai di burro senza sale

Per le glasse:

  • ½ tazza di burro senza sale
  • 3¾ tazze di zucchero in polvere
  • 3 cucchiai di latte condensato
  • 4½ cucchiai di estratto di vaniglia
  • 2 cucchiai di marmellata di fragole e colorante rosso (per la glassa alla fragola)
  • 100 gr circa di cioccolato fuso a temperatura ambiente (per la glassa al cioccolato)

Come si può vedere dall’articolata lista di ingredienti, il procedimento è lungo e complesso, per una preparazione che dura fino alle 4 ore! Un grande in bocca al lupo va ai più temerari che decidono di sfidare se stessi cimentandosi in un’ardua impresa che di sicuro riempirebbe d’orgoglio i nostri conterranei espatriati per cercare fortuna nel nuovo mondo.

Buon appetito!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu