Napoli su Google

Grande Napoli
Napoli su Google
Vota questo articolo

Il tag Napoli sul web e in particolare su Google: il marchio Napoli dal calcio alla conquista del mondo.

SSC NETWORK – “Quali sono i dieci luoghi da non perdere a Napoli”? Il neo allenatore del Napoli Rafa Benitez non è ancora in città ma già si dà del bel da fare per costruire la squadra e il rapporto con i tifosi e la città. E lo fa attraverso il web.

Dal canto suo, il presidentissimo De Laurentiis non rimane indietro e annuncia il nuovo tecnico su Twitter. E sempre su Twitter fa una bella conferenza stampa in cui risponde ai tweet dei tifosi, superando alla grande sale stampa e giornalisti, ed avvicinandosi al suo pubblico come nessun altro presidente o dirigente sportivo abbia mai potuto pensare di fare. E poi i dettagli delle nuove divise che vengono svelati gradualmente sul sito web della società. Oppure i tifosi che si organizzano in comunità online e social networks dedicati alla squadra.

NON SOLO CALCIO – Insomma non vogliamo elencarvi tutti i posts del Napoli sul web, però ci interessa discutere di questa recente moda, mania, necessità che dir si voglia.

Dalla Pizza e mandolino all’esuberante approccio al web 2.0 si nota uno scarto stilistico alquanto palese: dalla tradizione da cartolina alla conquista di un post(o) nel mondo grazie alle ultimissime risorse di pubblicaziome e condivisione. Non saranno certo i tweet presidenziali a rinnovare la società napoletana, però a questi vanno aggiunti elementi fortemente innovativi come un allenatore straniero, poliglotta e dalla professionalità rigorosamente british (non se ne vedevano dai tempi dell’ammiraglio Nelson, quando Napoli aspirava alla repubblica e non allo scudetto).

Ma non restringiamo il campo della questione allo sport: tutto questo avviene in un momento per nulla felice (vabbè è una costante, lamentarsi è quasi “squallido” in termini di onestà intellettuale), ma tra un lamento e l’altro si vede la discutissima pista ciclabile, si vedono ragazzi andare a scuola e al lavoro in bici, si vedono cose mai viste. Al max solo all’estero.

BRAND NAPOLI – I grandi eventi degli ultimi tempi poi stanno reclamizzando la città in giro nel mondo, come nuove casse di risonanza: l’America’s Cup, le vittorie europee del Napoli, i grandi artisti che si esibiscono in città, i numeRosi festival a carattere culturale, primo su tutti il Napoli Teatro. E ancora: corsi di webdesign e comunicazione sempre più strutturati e seguiti, piccole e grandi associazioni che lavorano nel campo della cultura, il web sempre più fitto di tag “Napoli”…insomma la crisi c’è, mica è virtuale come quei cretini intervistati da Le Iene qualche tempo fa hanno dichiarato. Ma è vero che ogni crisi è un brutale e cinico metro per le capacità ed energie umane: chi resiste ne esce fortificato, mentre chi l’accusa rischia di soccombere. E da questo punto di vista si nota un certo dinamismo che fa ben sperare, almeno nelle future generazioni. Che saranno più povere ma forse più informate, creative, laboriose…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu