Napoli: riapre il bosco di Capodimonte

Valentina Cosentino
Napoli: riapre il bosco di Capodimonte
Vota questo articolo

 

E’ stato riaperto ieri un settore del Bosco di Capodimonte che dalla tremende tempesta che il 29 ottobre aveva abbattuto svariati alberi in città e messi a rischio molti altri era rimasto chiuso per motivi di sicurezza.

 

 

In particolare sarà riaperta l’area delle praterie adiacenti il Cellaio e l’Istituto  G. Caselli  con le relative porte di accesso Porta Caccetta, Porta di Mezzo e Porta Miano: 24 ettari che si aggiungono ai 14 ettari già riaperti il 23 novembre scorso nell’area cosiddetta del «Parco», il Giardino dei Principi e lo spianato adiacente la Reggia.

 

Interdetta, in attesa di una più cospicua messa in sicurezza degli alberi, la parte meridionale del bosco.

Così sulla riapertura il direttore del Museo e del Real Bosco di Capodimonte, Sylvain Bellenger: “La parziale riapertura del Bosco è il regalo di Natale che facciamo alla città, insieme alla mostra Depositi di Capodimonte. Storie ancora di scrivere appena inaugurata e alla riapertura della storica Collezione di Mario De Ciccio, dopo oltre sei anni di chiusura. Abbiamo anche fornito una nuova illuminazione l’Appartamento Reale e impreziosito la Flagellazione di Caravaggio con una cornice coeva. È nostro dovere ora ripiantare nuovi alberi, un’occasione per tutti di fare un dono al mondo: adottate un albero da ripiantumare aderendo all’iniziativa ‘Adotta un alberò, in collaborazione con gli Amici di Capodimonte onlus“.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu