Nei prossimi giorni calo delle temperature su Napoli e Campania

Grande Napoli

 

L’alta pressione presente sul nostro Paese inizia ad accusare alcuni segnali di cedimento. Nelle prossime 48 ore infatti, la calda primavera di questi giorni si prenderà una pausa e subito ne approfitterà un fronte atlantico il quale, accompagnato da venti più freddi, riporterà un meteo più incerto condito inoltre da un brusco scivolone dei termometri.
Ma vediamo più nel dettaglio quanto durerà questo mini-stop della primavera.

Il giorno di Pasquetta mostrerà già i primi evidenti segnali di un cambiamento proponendoci cieli più grigisu molte aree del Nord e del Centro. Tuttavia, le temperature non si discosteranno più di tanto rispetto a quelle tiepide registrate a Pasqua, nonostante i termometri perderanno qualche timido punticino laddove il sole non riuscirà più a fare capolino tra le nubi.
A conti fatti continueremo comunque ad avere valori termici ben superiori ai 21/22°C su gran parte del Paese.

Tra il pomeriggio e la serata di martedì 14cominceranno a soffiare venti più freddi dai quadranti nord-orientali che penalizzeranno soprattutto il Nordest e la fascia adriatica: su queste aree si registrerà una prima diminuzione delle temperature, mentre sul resto del Paese il quadro climatico non subirà ancora forti cambiamenti.

 

Mercoledì 15 l’aria fredda riuscirà a estendere la sua influenza in forma più omogenea su gran parte del Paese. I termometri sono dunque destinati a scendere anche di 7/8°C in meno rispetto alla Pasqua con valori che torneranno ad essere più o meno in media rispetto con la stagione.
Tornerà inoltre a fare un po’ freddino di notte e nelle prime ore del mattino al Nord e nelle vallate più interne del Centro.

 

Un strappo più deciso ce lo aspettiamo martedì 14 quando l’ingresso impetuoso di un fronte freddo in discesa dall’Europa Nordorientale provocherà un deciso peggioramento del tempo sulle regioni adriatiche. Non sono da escludere forti temporali con locali grandinate su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, in estensione poi anche a Basilicata e zone interne di Lazio e Campania. Il tutto sarà accompagnata da burrascosi venti di Bora lungo le coste del mar Adriatico e di Grecale su quelle del mar Tirreno. Anche le temperature sono previste in deciso calo con valori fin sotto le medie stagionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu