Marzo con colpo di coda invernale e aria gelida in arrivo

Grande Napoli

Dopo le ultime settimane contraddistinte da valori termici ben sopra la media e giornate soleggiate, non è da escludere un pericoloso colpo di coda invernale tra marzo aprile. Tutto dipenderà dal comportamento del vortice polare.
Scopriamo subito il perché con l’ultima tendenza aggiornata.

 

Le proiezioni del principale centro meteo europeo per i prossimi mesi primaverili non lasciano dubbi: le temperature saranno ancora una volta ben oltre le medie stagionali. Attenzione però, qualcosa potrebbe andare storto e tra giornate soleggiate e calde non sono da escludere brevi, ma incisivi passaggi perturbati, talvolta con episodi di gelo tardivo.

 

A mettere scompiglio in quello che potrebbe sembrare l’inizio della bella stagione è il famigerato vortice polare che proprio tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, potrebbe andare letteralmente in frantumi. In base anche a quanto avvenuto nel recente passato sappiamo che qualora esso dovesse dividersi in due o più parti crescerebbero a dismisura le possibilità di ondate di gelo diretto dal Polo Nord verso latitudini più basse, Italia compresa.

Tra gli effetti principali di queste incursioni polari non sono da escludere episodi di maltempo con tante piogge e addirittura con nevicate fino a bassa quota. Un vero e proprio colpo di coda invernale insomma, ma pericoloso, perché potrebbe avere effetti devastanti per la natura e l’agricoltura, in quanto la vegetazione, dopo un inverno mite, risulta già avanti con la stagione (tanto che sono spuntate già da un po’ le prime gemme e i primi fiori).

Anche dal punto di vista statistico i mesi di marzo (soprattutto aprile) risultano molto piovosi, con un’alternanza tra fasi soleggiate ed improvvisi acquazzoni.
Vedremo insomma se dopo un lungo periodo piuttosto avaro di precipitazioni la natura vorrà giocarci uno scherzo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu