Mare in Campania, inquinato il 64% secondo Goletta Verde

News
Articolo di , 14 Ago 2018

 

Goletta Verde torna ad analizzare le acque delle coste campane ed i risultati non sono così confortanti. Secondo i dati di Legambiente, infatti, il 64% delle acque esaminate risulta inquinato.

 

31 i punti monitorati e tra essi quelli con alle spalle una lunga storia di inquinamento difficile da sanare come la foce del fiume Irno a Salerno, quella del fiume Sarno tra Castellammare e Torre Annunziata, della foce dei Regi Lagni a Castelvolturno, del canale di Licola a Pozzuoli e del torrente Asa a Pontecagnano che, per il nono anno consecutivo, risultano “fortemente inquinati” .

 

I punti monitorati sono stati scelti sulla base di un presunto maggior rischio di inquinamento come appunto sono le foci di tutti i fiumi o sulla base di segnalazioni di cittadini. I parametri delle analisi interessano sopratutto  la ricerca di elementi microbiologici (come enterococchi intestinali, Escherichia coli) e sono considerate “inquinate” le acque che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia e “fortemente inquinate” quelle che superano di più del doppio tali valori.

 

Goletta Verde oltre allo stato delle acque ha preso in considerazione anche l’informazione fornita ai cittadini in merito alla non balneabilità delle acque esaminate. In un solo caso su 31 vi era idonea cartellonistica informativa, inoltre è stata segnalata da Legamabiente anche una ingente quantità di rifiuti inquinanti sul 90% dei punti di costa monitorati.

 

Le cause principali di questo inquinamento, nemico del turismo, sono gli sversamenti illegali e una non adeguata depurazione delle acque. In tal senso la Campania detiene il triste primato di essere la peggiore a livello nazionale per numero d’ infrazioni  riguardanti depuratori inesistenti o mal funzionanti, scarichi fognari abusivi, sversamenti illegali di liquami e rifiuti. Si ratta di  1.347 reati, il 22,1% del totale nazionale con un incremento del 43% rispetto lo scorso anno.

 

Questa la mappa del monitoraggio: https://www.legambiente.it/golettaverde-map/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...