Maradona e Diego Jr, il commovente abbraccio atteso da 29 anni!

News
Articolo di , 26 Ago 2016

Diego Armando Maradona, El Pibe de Oro, mano de Dios, cuore argentino-napoletano: Maradona è tutto questo e tanto altro. È il mito e la dannazione, il Dio e la sua caduta e risalita dagli inferi; la sua storia è raccontata in modo egregio nel documentario del regista bosniaco Emir Kusturica che ripercorre passo dopo passo, senza risparmiarsi dal metterlo a nudo, la storia di quello che forse è il più grande calciatore di tutti i tempi. Ma Maradona è anche il protagonista di una controversa vicenda che lo ha visto coinvolto insieme al figlio, Diego Jr., in un’intricata storia familiare che ricorda la trama di una delle tante telenovelas argentine. Questa storia sembra oggi giunta ad un lieto fine.

La storia

Facciamo un passo indietro. È il 1986, è un periodo d’oro per Diego, sono gli anni del Napoli di Ferlaino e della Nazionale argentina di calcio vincitrice del mondiale. In veste di capitano realizza, durante i quarti di finale contro la Nazionale inglese, quello che sarà ricordato come il goal del secolo e, a cinque minuti di distanza, segue il controverso episodio che gli varrà l’appellativo di mano de Dios. Ma quell’anno accade anche qualcos’altro. Dalla relazione con Cristiana Sinagra, il 20 settembre 1986 nasce Diego. Maradona, che a quei tempi era impegnato in un’altra relazione stabile, rifiuta di riconoscere il figlio come suo ed il bambino prenderà il cognome della madre. Nel 1993, a seguito del rifiuto dell’argentino di sottoporsi al test del DNA, sarà poi il tribunale a confermare la paternità e ad obbligare il calciatore a corrispondere 4.000 dollari al mese per il mantenimento. Questo non altera i loro rapporti, padre e figlio si incontreranno solo una volta nel 2003, a distanza di dieci anni, sulla superficie di un campo da golf. Il giocatore dichiarò “Accettare non significa riconoscere. Un giudice mi obbligò a pagare, ma non può obbligarmi a sentire affetto per lui”. Il riconoscimento ufficiale arriverà nel 2007, quando Maradona ammise la paternità e confermò la versione riportata dalla Sinagra.

La riconciliazione

Se dunque il riconoscimento, sulla carta, risale al 2007, tuttavia solo ieri c’è stata l’effettiva riconciliazione tra i due. La telefonata a Diego Jr. è arrivata nel pomeriggio di ieri da parte di Rocio Oliva, attuale compagna di Diego Armando, la quale ha comunicato al ragazzo l’intenzione del padre di parlargli. L’incontro è avvenuto a Nordelta, in Argentina, dove i due hanno potuto cenare insieme, liberi dalla presenza degli avvocati che hanno accompagnato tutto l’iter della loro travagliata storia familiare. Ed è lì che finalmente c’è stato il tanto agognato abbraccio tra i due. L’ex calciatore ha affermato “Sì, tu sei mio figlio”, giungendo ad una riconciliazione e ad una catarsi attesa per trent’anni.

Video da canale youtube Forzazzurri 1926

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...