Lieve sciame sismico nei Campi Flegrei, scosse avvertite dalla popolazione

Grande Napoli
Lieve sciame sismico nei Campi Flegrei, scosse avvertite dalla popolazione
Vota questo articolo

 

Dopo qualche settimana di quiescenza torna a farsi sentire il terremoto nell’area di Napoli, in particolare nella zona flegrea. Uno sciame sismico costituito da oltre trenta di scosse (fino a questo momento) iniziato questa mattina e ancora in atto. Le magnitudo comprese tra 1.0 e 2.3 ad una profondità di 1-2km. Sono scosse a bassa energia ma si avvertono molto bene a causa degli ipocentri superficiali. Gli epicentri localizzati nella zona alta di Pozzuoli tra la Solfatara e i Pisciarelli, le scosse, specie le ultime avvertite fino alle porte di Napoli nei quartieri di Bagnoli e Fuorigrotta. Segnalazioni anche dal vicino comune di Quarto.

Sismogramma dello sciame di terremoti avvertiti oggi a Napoli e Pozzuoli
Sismogramma dello sciame di terremoti avvertiti oggi a Napoli e Pozzuoli

 

C’è stata un po di paura soprattutto a Pozzuoli ma più che altro per il susseguirsi delle scosse che dalle 14.00 circa si sono ripetute con una certa regolarità. L’attività in questione è da attribuirsi al fenomeno di sollevamento dell’area flegrea (bradisismo) che nelle ultime settimane si è leggermente intensificato. Lo stato di attenzione sul vulcano flegreo resta “giallo“. Seguite sempre i nostri aggiornamenti anche attraverso la sezione terremoti

Sciame sismico nell’area flegrea. Borrelli in contatto con i comuni interessati. Situazione sotto controllo ma sono necessarie le prove di evacuazione con il coinvolgimento dei comuni gemellati

“Lo sciame sismico che sta coinvolgendo l’area flegrea e che è stato avvertito in modo significativo nelle ultime ore, anche se non è preoccupante e non ha avuto conseguenze, al di là dei telefoni dei comuni presi d’assalto dai cittadini preoccupati, dimostra ancora una volta che non bisogna abbassare la guardia visto che viviamo in un territorio a rischio sismico e vulcanico. Sono in contatto con i vice sindaco di Napoli e Pozzuoli che stanno in piena allerta anche se fino a ora non è stato segnalato nulla di grave e alcun crollo. Solo tanto spavento”.
Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “è necessario che la Protezione civile nazionale affronti il rischio vulcanico nel napoletano con l’aggiornamento costante e continuo dei piani di emergenza e di evacuazione e, soprattutto, con l’organizzazione di prove di evacuazione che coinvolgano anche i comuni delle altre regioni gemellati per farsi trovare pronti in caso di emergenza”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu