Le uova alla monachina: ricetta nata dall’estro dei maestri Monzù

Giusy Di Bonito
Le uova alla monachina: ricetta nata dall’estro dei maestri Monzù
Vota questo articolo

La cucina napoletana, famosa in tutto il mondo deve il suo successo anche grazie all’influenza di altre tradizioni e altre culture, tra le tante vi è soprattutto quella francese.

 

La cucina napoletana, famosa in tutto il mondo deve il suo successo anche grazie all’influenza di altre tradizioni e altre culture, tra le tante vi è soprattutto quella francese.

 

La vera rivoluzione culinaria napoletana arrivò sotto il regno dei Borbone e la conseguente influenza della Francia. Il complicato rapporto matrimoniale fra Ferdinando IV di Borbone, il Re Lazzarone, e la regina Maria Carolina d’Austria raggiunse il compromesso grazie alla cucina partenopea.

 

La regina, però, indispettita dai sapori troppo marcati della cucina napoletana chiese aiuto a sua sorella Maria Antonietta, regina di Francia, che di pronta risposta inviò alla corte di Napoli alcuni fra i migliori cuochi francesi per educare i colleghi nostrani ai gusti più in voga del tempo.

 

La cucina napoletana, però, era troppo particolare per essere assorbita da quella d’oltralpe, anzi, avvenne l’esatto opposto: la nuova generazione di chef partenopei creò una cucina completamente nuova, che arricchiva quella tradizionale con creme e preparazioni tipiche francesi. I nuovi artisti della tavola venivano appellati col titolo di Monsieur, “signore” in francese. Come spesso è accaduto, il termine è stato alterato fino ad arrivare ad una forma più facilmente pronunciabile nelle nostre terre: così, i monsieur divennero in tutto il Regno di Napoli, i Monsù poi Monzù.

 

Il regno delle Due Sicilie si popolò di maestri culinari che riuscirono a raffinare i piatti della tradizione campana creando nuove ricette come quella delle uova alla monachina.

Sono uova sode particolari, arricchite dalla besciamella la cui presenza lascia intuire che la ricetta sia nata nei secoli XVIII e XIX.

La Ricetta

Ingredienti :

  • 4 uova
  • 30 gr di farina
  • 20 gr di burro
  • 200 ml di latte
  • sale

Ingredienti per l’impanatura:

  • Farina
  • Pangrattato
  • 1 uovo
  • Olio per friggere q.b.

Procedimento:

Per prima cosa, preparare la besciamella. In un tegame far sciogliere il burro e aggiungere la farina, mescolando energicamente.

Aggiungere il latte, un pizzico di sale e sempre mescolando far cuocere la besciamella, fino a quando si sarà addensata. sarà pronta quando la consistenza sarà corposa e assolutamente priva di grumi.

In un secondo pentolino, preparare le uova sode, facendole cuocere in acqua bollente per circa 8-10 minuti. una volta cotte le uova,  privarle del guscio e dividerle ognuna in due parti.

A questo punto privare le uova del tuorlo (ovvero la parte gialla), che verrà aggiunta alla besciamella. Amalgamare bene la besciamella con i tuorli, fino ad ottenere una crema che andremo a posizionarle all’interno delle uova sode svuotate.

Una volta ricomposte le uova, posizionarle nel congelatore e far rassodare per circa 1-2 ore.

A questo punto passare le uova nella farina, cercando di  dar loro la forma di un uovo intero, passarli nell’uovo battuto e poi nel pangrattato e friggerli in olio bollente.

Quando l’impanatura risulterà dorata, le uova alla monachina saranno finalmente pronte per essere servite, calde e croccanti tra gli antipasto o anche come un simpatico secondo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu