Tre Poesie napoletane per la Festa della Mamma

Tre Poesie napoletane per la Festa della Mamma
Vota questo articolo

Versi napoletani dolci per la donna più importante della nostra vita : A Mamma. Scegliete la poesia più adatta alla vostra mamma e trascrivetela su un bigliettino di auguri….un modo originale per dirle che l’amate!

Il dialetto napoletano, riconosciuto dall’UNESCO come lingua, ci ha regalato meravigliosi versi poetici che hanno prodotto capolavori teatrali, musicali e ovviamente poesie. Non è necessario essere napoletani per comprendere le straordinarie opere, basta un pò di orecchio, attenzione e tanto cuore.

E a proposito di cuore non dimentica quello grande della Mamma napoletana, ma in generale di tutte le nostre bellissime mamme che festeggiamo con amore e profonda gratitudine.

Un augurio originale potrebbe essere una bella poesia napoletana trascritta su un biglietto di auguri. Ne ho raccolte tre, vi piacciono?

A Mamma

Chi tene a mamma
è ricco e nun o sape.
Chi a vo’ bbene è felice
e nun l’apprezza.
Pecchè l’ammore
e na mamma
è na ricchezza,
è comme o mare
ca nun fernesce mai.
A mamma tutto te da’
e nun te chiede,
e si te vede e chiagnere,
senza sape’ pecchè,
t’abbraccia e te dice:
“Figlio!!!”

E chiagne nsieme a te
(Salvatore di Giacomo)

A cchiù sincera

Tengo na ‘nnammurata
ca è tutt’ ‘a vita mia.
Mo tene sittant’anne, povera mamma mia!
Cu chella faccia ‘e cera,
sotto ‘e capille janche,
me pare na sant’Anna
cu ll’uocchie triste e stanche.
Me legge dint’ ‘o penziero,
me guarda e m’anduvina
si tengo nu dulore
si tengo quacche spina…
(Antonio De Curtis-Totò)

Core ‘e mamma

So’ mamma! Sta parola è ‘nu dulore
quanno p’ ‘e figlie nun nce sta cchiù ppane.
T’ ‘e strigne mpietto: gioia ‘e mamma, ammore…
forze, se magnarrà quann’è dimane!
Dimane!? e tu te siente squartà ‘o core,
te guardano, chiagnenno, mmiezo ‘e mmane!
Piatà! St’aneme ‘e Ddio cu ‘e carne ‘a fore
mme morono, tremmanno comme ‘e cane!
E ‘st’angiulillo?… Peppeniello mio!
no, nun murì, mamma te tene nzino
nfunnenno ‘e chiante ‘e ricciulille d’oro.
Pe’ carità, v’ ‘o cerco a nomme ‘e Ddio,
sarvate ‘e criature, e si è destino,
Marò! tu lievammenne nzieme a loro!
(Giovanni Capurro)



Comments to Tre Poesie napoletane per la Festa della Mamma

  • ‘ A mamma (F. Scaramuzzino)
    Nove mesi a t’aspetta
    E tanta lacrime e dulure pe t’abbraccia
    Mamma, che parola
    ‘ a primma che dici senza scola
    Te vuo’ lassa, te miette a cammena e a vire ‘lla
    Cu ddoje mane a nun te fa care, a t’aspetta
    Passa ‘o tiempo e tu stai criscenno
    Pienze a te e te vai divertenno
    Tuorne e nun a truove mai durmenno
    Mo le chiamma tu, so’ cagnate ‘e cose
    Nun perdere tiempo,
    Nu bellu fascio e rose e nu surriso
    E se regne ‘e gioia chillu viso…

    Francesco Scaramuzzino 6 maggio 2016 7:08 Rispondi
  • MI PERMETTO DI PRECISARE ANCORA UNA VOLTA CHE LA POESIA ” ‘A MAMMA” È STATA ERRONEAMENTE ATTRIBUITA A TOTÒ O A SALVATORE DI GIACOMO MENTRE INVECE É STATA SCRITTA NEL 1956 DA MIA NONNA, PIA IMPROTA TARALLO, E PUBBLICATA NELLA RACCOLTA DI POESIE “LE PAROLE DEL CUORE”.
    GRAZIE

    Pia Improta 15 febbraio 2017 22:22 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu