Le freselle beneventane di Pasqua

Cucina
Articolo di , 31 Mar 2021

La regione Campana e i suoi abitanti sono custodi da sempre di una tradizione culinaria davvero particolare e ricca di piatti deliziosi, da preparare specificatamente nei periodi di festa. Protagonista nella preparazione di pranzi e cene dedicate alle festività, è la città di Benevento. Uno tra i classici e squisiti manicaretti che regala la tradizione di questo luogo incantevole è senz’altro la fresella, una preparazione che la consuetudine lega sicuramente al periodo di Pasqua.

 

Nonostante il nome sia uguale e faccia pensare subito alla classica fresella da “spugnare” e da accompagnare con pomodoro e mozzarella, bisogna specificare che si tratta di tutt’altra cosa!

 

Questa ricetta, infatti, è molto utile per accompagnare affettati e antipasti vari, tipici delle portate dei pranzi pasquali.

Vedrete che profumo inebriante quando sfornerete le vostre freselle!

Esse sono un prodotto a base di pasta lievitata. Molti sono soliti aggiungervi anche la scorza di arancia, un goccio di liquore strega e di vaniglia ma, oggigiorno, la versione che più famosa e popolare è quella a base di strutto e pepe.

Vediamo allora, come prepararle!

Ingredienti

 

  • 500 gr di farina 0
  • 140 gr. di strutto
  • 11 gr. di sale
  • 10 gr. di lievito di birra
  • 100 ml di latte
  • 3 uova medie
  • Pepe quanto basta

 

Preparazione

Prima di tutto inserite all’interno della vostra planetaria il latte, il lievito e 250 gr di farina.

Se non avete a disposizione una planetaria, nessuna paura! Basta riporre tutto gli ingredienti all’interno di una ciotola molto capiente, e amalgamare gli ingredienti in modo energico.

 

Mescolate per bene e aggiungete poi le uova, una alla volta, e la restante farina, facendo attenzione ai grumi. Infine, quando tutto sarà mescolato correttamente, finite con il mettere anche il pepe e il sale. Continuando a miscelare il tutto, aggiungete lo strutto freddo, un po’ per volta, e lavorate l’impasto finchè esso non sarà completamente assorbito.

 

Adagiate ora il vostro panetto su un tagliere, preferibilmente di legno, e lasciate crescere per circa due ore. Trascorso il tempo necessario, dividete il panetto in pezzi da circa 150 gr ciascuno e formare delle palline da far lievitare per un ora.

Formate a questo punto la forma dei taralli e accoppiatene due per formare una fresella facendo attenzione tra l’uno e l’altro a spalmare un poco di strutto.

 

Lasciate lievitare per altri 30/40 minuti. Preriscaldate il forno e cuocete per 20 minuti a circa 220 gradi.

Quando saranno dorate potrete sfornare e godervi non solo il profumo di quest’ottima pietanza ma anche il gusto ricco della fresella bollente accompagnata ai vostri salumi preferiti!

 

Foto: giallozafferano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...