Le eccellenze dei designer partenopei in un Contest

Le eccellenze dei designer partenopei in un Contest
Vota questo articolo

Il contest alla sua prima edizione, la “Settimana del Design Campano” ha visto l’esposizione di progetti interessanti, presso lo showroom Meka Arredamenti, creazioni ispirate ai principi di funzionalità e realizzabilità che i designer partenopei hanno sottoposto alla valutazione di una giuria tecnica.

Per sette giorni consecutivi i professionisti del design hanno esposto“in vetrina” le loro opere: raccontandole, svelandone la storia i segreti, le ragioni e gli orizzonti, le forme e i materiali.

Notevole per esempio è il Tavolo “Space” di Roberta Ventrella che con un sistema tecnologico acquisisce una funzione di tavolo libreria, scaffalatura ecc.; originale lo sgabellino Bà, del Gruppo Amendolaniello, la cui forma richiama il simbolo partenopeo per antonomasia il babà; interessante è il Table Swing di T. Falco, M.Del Vecchio e F.Liquori, un dondolo per bimbi da 3 anni su trasformabile in tavolino, molto ben fatto e “di nicchia”.

Una menzione particolare per la tecnica di rivestimento con i giornali e la resina utilizzata per il pezzo Nuova Vita di Antimo Giuliano, o l’originale possibilità di raccoglimento offerta dalla struttura del divano Pan di Salvatore Navarino, d’impatto è la lampada Q_Light del Gruppo DKO Studio, accanto alla piantana Rays di Luigi D’Onofrio che sembra avere la forma di una pennetta rigata. Belle e funzionali le porte scorrevoli Salix 2.0 di Rosmery Lagalla con un richiamo alla nostra “cultura dell’intreccio”;  ancora tanta arte con il vaso decorato Vesuvius  di Anna Polito o l’innovativo e pratico Braciere – Camino Bioetanolo di Bruno Cimmino.

Un tripudio di arte, originalità e funzionalità che ha dato l’opportunità ai designer partenopei di partecipare al Contest esponendo opere veramente geniali. Complimenti!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu