Le antiche porte della città di Napoli

Grande Napoli
Le antiche porte della città di Napoli
5 (100%) 2 votes

Particolarmente complesse sono le aree interessate dalle antiche porte della città , generalmente del tipo “a tenaglia” (Sant’Andrea delle Dame, vico Storto San Pietro a Maiella, piazza San Domenico, via Mezzocannone o Università , Forcella, Castel Capuano, Porta S.Gennaro), come pure dove le mura sono associate a torri (piazza Bellini, piazza San Domenico, via Mezzocannone, ecc.).

Poche sono ormai le targhe che ci ricordano la presenza di quelle mastodontiche, monumentali porte, i cui varchi consentivano l’ingresso in città .
Abbattute nei secoli, addossate ai palazzi, smembrate per esigenze costruttive nuove, se ne è dispersa la memoria.
Nate come “pertugi” di un sistema difensivo indispensabile, hanno subito le modifiche dei tempi e delle necessità  urbanistiche e sociali.
Quelle che ancora restano a sostenere una cinta muraria ormai inesistente, forniscono una vaga idea della struttura imponente di cui facevano parte.

Sono rimaste in quattro e di certo non passano inosservate: porta Capuana e Nolana, porta San Gennaro e Port’Alba, fatta erigere dal duca d’Alba presso l’ampio emiciclo Carolino. Sono strutture spettacolari ed al loro confronto il tessuto urbano moderno che le accoglie stona, come lo può fare uno strumento musicale scordato.

La mappa delle fortificazioni, secondo uno schema attuale, mostrerebbe anche delle torri sopravvissute ai secoli, ma esse restano purtroppo inglobate nel teatro costruttivo odierno, il quale non consente più alcuna lettura in chiave storica. Peraltro le notizie che ci giungono dalle fonti risultano troppo spesso frammentarie, talvolta contraddittorie, pertanto risulta complessa una ricostruzione precisa nell’ambito di una identificazione sistematica degli ingressi dell’antica città , a prescindere dai vari e continui rimaneggiamenti, sostituzioni e demolizioni operate nei secoli scorsi.
Molte erano le aperture che si profilavano lungo l’itinerario difensivo e tante porte prendevano il nome delle famiglie nobiliari che risiedevano in zona, oppure della destinazione di strade da cui i varchi partivano, o delle strutture che spiccavano per importanza nei suoli limitrofi.

La prima che ricordiamo è la porta Campana, divenuta poi porta Capuana al tempo di Ferrante I d’Aragona (figlio illegittimo di Alfonso V), che occupava la zona di sedil Capuano presso il Castello, il quale per un certo tempo si trovava per metà  entro le mura e per metà  de fora, almeno fino a quando non si decise di allargare oltremodo la cinta difensiva sotto gli aragonesi, che lo inglobarono totalmente intra moenia.

La porta Campana chiudeva ad est il decumano maggiore ed alla banda opposta aveva un’altra porta importante andata distrutta, che è la Puteolana, così detta in quanto indirizzava verso la strada per Pozzuoli.
Altra porta era quella che chiudeva ad oriente il decumano inferiore, cioè la Furcillensis entro la zona di Forcella, che al suo opposto aveva la porta Cumana presso il largo San Domenico Maggiore.

Porta Capuana - Napoli - Italy

Porta Capuana

Di questa porta si ebbe notizia intorno al seicento quando, in occasione dei lavori per la realizzazione delle fondamenta della guglia del santo di Guzman, il Picchiatti, allora architetto responsabile dell’opera, scoprì i resti d’un tratto murario greco-romano appartenente all’antica porta, scoperta che egli stilò accuratamente entro un registro poi reso noto. Sta di fatto che i lavori alla guglia si dovettero interrompere per essere poi ripresi nel settecento ad opera di Domenico Antonio Vaccaro. Presso la chiesa dei Ss. Apostoli era situata la porta Carbonara che serrava ad est il decumano superiore, il quale ad ovest aveva la porta Romana. Questo tracciato di porte che delimitavano i decumani era assai in uso presso i greci e i romani, in quanto tutta la struttura urbana si rifaceva alla tavola ippodamea che organizzava la città  con uno schema a tre filoni principali chiusi da porte appunto, tagliati da vicoli detti  in latino cardini.

Delle porte che ancora possiamo ammirare, per chissà  quale fortuna storica, quella Capuana senz’altro rappresenta l’esempio più straordinario ed efficace non solo del gusto rinascimentale a Napoli, ma anche del simbolismo assunto per trasmettere la magnificenza della casa d’Aragona che la fece erigere. Difatti questa diventa sostanzialmente una struttura rappresentativa e celebrativa allo stesso tempo.

E lo fa con stemmi, epigrafi, archi e cartigli, sculture, putti e vittorie, assolutamente emblematiche, dovendo enunciare la vittoria di Ferrante sui baroni ribelli e dovendo peraltro celebrare la sua incoronazione di re. Esemplificative in questo senso sono le dimensioni della struttura che in origine raggiungeva i venticinque metri, divenuti poi ventitrè con il progressivo innalzamento del suolo stradale.
Ferrante volle affidare il compito di ricostruire la porta Campana a Giuliano da Maiano il quale, proveniente da Firenze, iniziò dal 1484 a lavorare a Napoli, insieme al fratello Benedetto.

Giuliano da Maiano comprese in fretta le esigenze del regnante, pertanto progettò l’opera in splendido marmo bianco di Carrara, di cui ancora è totalmente rivestita, disegnandola come un vero e proprio arco di trionfo. La porta fu iniziata intorno al 1488 e terminata nel 1495, in quanto alla visita di Carlo VIII a Napoli, la struttura era già  in piedi. Il da Maiano studiò un sistema molto semplice, eppure elegante ed imponente. La porta si organizza su due pilastri laterali in stile corinzio, su cui s’accosta il fornice dell’arco decorato con un bassorilievo scolpito con trofei d’armi: elmi, corazze, spade e scudi, tutto avvolto in nastri che si interrompono in cima all’arco, nel cui centro campeggia la cosiddetta chiave dell’arco che segna il punto equidistante tra le due parti, per poi proseguire nel lato opposto. Sovrapposto a questo prendeva posto in loco alla trabeazione, il fregio con la scena dell’incoronazione di re Ferrante, ovvero Ferdinando I, che ebbe la sfortuna di evocare quella memorabile data per solo mezzo secolo, dato che al suo trionfale ingresso in città  nel 1535, Carlo V la fece eliminare e sostituire con il suo stemma dell’aquila bicipite ad ali piegate. Ai due estremi, in loco alle nicchie laterali, prendono posto le statue di Sant’Agnello e San Gennaro.
In cima la struttura è sormontata da un cornicione ed un attico dalle dimensioni di novanta centimetri, tutto in marmo bianco e decorato con gigli. La porta è affiancata da due torri dette dell’Onore e della Virtù.

 

Meno ricca, ma altrettanto interessante è la porta Nolana, sempre del periodo aragonese, era ubicata lungo la via dei fossi (l’attuale corso Garibaldi).

porta nolana

Essendo un varco secondario (la Capuana rappresentava l’ingresso principale della città ), presenta pochi elementi decorativi, tra cui un bassorilievo su cui è scolpito re Ferdinando I in groppa ad un cavallo in tenuta d’armi, spada sguainata nell’atto di colpire. Le sue insegne sono scolpite in maniera ancora visibile sull’armatura e sulla gualdrappa dell’animale. La porta, purtroppo inglobata in un vergognoso contesto di abusivismo edilizio, porta sul suo arco una costruzione abitativa più o meno recente, che si staglia tra le belle torri dette Fede e Speranza.

217318-624x600-500x480

Porta San Gennaro è la più antica porta della città  di Napoli, menzionata già  in documenti risalenti all’anno 928, quando era dilagata la paura dei Saraceni che avevano già  distrutto la città  di Taranto.

Era l’unico punto di accesso per chi proveniva dalla parte settentrionale della città . Il nome di Porta San Gennaro deriva dal fatto che di qui partiva anche l’unica strada che portava alle catacombe dell’omonimo santo.

A metà  del secolo XV, le mura greco-romane della città  furono spostate e la porta fu ricostruita poco lontano dal luogo originale, tra Caponapoli e il vallone di Foria, nei pressi del Monastero di Santa Maria del Gesù delle Monache.
Nel 1537 fu ancora spostata per volere del Vicerè di Toledo (il cardinale Antonio Perrenot de Granvela), e furono eliminate le due maestose torri fortificate che la fiancheggiavano, occupando la collocazione che ancora oggi conserva su via Foria, di fronte a piazza Cavour, inglobata nel complesso edilizio che gli è stato costruito intorno.
Dopo l’epidemia di peste del 1656, come ex voto, vi fu aggiunta un’edicola affrescata da Mattia Preti, con motivi sacri (i Santi che implorano la fine della peste), oggi ancora in buono stato di conservazione dopo il recente restauro. L’affresco raffigura San Gennaro, Santa Rosalia e San Francesco Saverio. Nell’antico vallone della Sanità  (posto al di fuori della cinta muraria della città ), vi era, tra l’altro, un cimitero per le vittime delle numerose epidemie che colpivano il napoletano. Sulla porta che faceva da confine con questi lazzaretti venne apposta allora la figura di San Gennaro, protettore dei deboli, che guardava nella direzione di coloro che erano stati sfortunati nella vita terrena ma che sarebbero stati accolti nel regno dei cieli.

Nel 1659 fu aggiunto il busto di San Gaetano (realizzato in pietra da Bartolomeo Mori), su richiesta dei padri teatini. La nicchia con il quadro della Vergine, sotto la porta, è un ex-voto del 1887 per lo scampato colera del 1884. Nei suoi pressi sorge la chiesa di San Francesco dei Cocchieri

L’ultima porta che ci rimane è la port’Alba, dal nome del vicerè Don Antonio Alvarez di Toledo, duca d’Alba, che la fece erigere dietro le insistenze di Paolo di Sangro.

4783032-arch-and-street-in-old-city-of-naples-italy

Questa porta difatti, come la porta Medina, fu aperta nell’antica muraglia angioina, in sostituzione di un torrione e per agevolare il passaggio della popolazione che aveva praticato per comodità  di passaggio da una zona all’altra della città , un’apertura posticcia nel muro, un “pertugio” aperto abusivamente dal popolo che non intendeva più fare lunghi giri per entrare in città . La popolazione era aumentata, il territorio aveva la necessità  di ampliarsi e le aperture iniziavano ad essere una limitazione per quello che riguardava gli spostamenti immediati della cittadinanza. Al chè il popolo finiva con aprire autonomamente degli ingressi anche senza autorizzazione. Stufo delle continue “rotture” della cinta muraria, il principe don Paolo di Sangro di San Severo, pregò il vicerè di erigere una porta presso il largo Mercatello (attuale piazza Dante). Cosa che accadde nel maggio del 1624 e nel 1781 alla sua estremità  venne apposta la statua di San Gaetano, proveniente dall’abolita porta Reale. Port’Alba per lungo tempo è stata denominata dal popolo porta Sciuscella dal nome dei frutti di carrubo che continuamente finivano in strada e provenienti dal vicino giardino del convento di San Sebastiano.

Articolo scritto dall’Arch. Mario Chirico.



Comments to Le antiche porte della città di Napoli

  • napoli citta unica asl mondoper le sue bellezze naturali dalle numerose chiese di vario stile non per caso capitale di un regno è ricca di stori eda qualche anno è teatro di scoperte archeologiche invidiabili .Facciano che non sia sciupata da balordi e ignoranti

    nello caruso 1 giugno 2016 2:07 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu