La vera ricetta dei Ravioli Capresi, tutti i trucchi per prepararli in casa

Grande Napoli

I ravioli capresi sono il simbolo di Capri. Un piatto della tradizione amato da tutti: dai contadini alle personalità illustri, habitué dell’isola: Mafalda di Savoia ne era ghiotta.
Gli ingredienti che rendono questo primo piatto sonola caciotta secca e la maggiorana. Questa spezia è sempre presente nelle case dei capresi.

 

 

Ingredienti

Per il condimento:

 

Preparazione

In una pentola capiente portare a bollore l’acqua salata e l’olio. Setacciare la farina. Appena l’acqua bolle versare tutta la farina e mescolare immediatamente prima con una frusta e poi con un cucchiaio di legno.

Trasferire il tutto sul piano lavoro e impastare per amalgamare bene, facendo attenzione all’impasto bollente. In poco tempo si otterrà un panetto liscio, elastico, con una giusta consistenza.

Nel frattempo che la pasta riposa preparare la farcia: grattugiare la caciotta e mescolare con i formaggi, le due uova battute a parte, la maggiorana tritata. Preparare ora il pomodoro, far rosolare lo spicchio d’aglio in padella con l’olio, tagliare il pomodoro S. Marzano in 4 parti e aggiungerlo.

Far cuocere per pochi minuti quindi salare e mettere le foglie di basilico. Togliere dal fuoco e schiacciare leggermente la salsa poi tenere da parte. Dopo il riposo riprendere la pasta, lavorarla ancora per qualche minuto, poi prendere una parte, stenderla col matterello in una sfoglia sottile di forma rettangolare con uno spessore di 2 mm.

Mettere un cucchiaino di farcia abbondante, circa 30 g al centro. Sistemarli ora in una teglia con carta leggermente oleata.

Cucinare i ravioli in abbondante acqua salata, per pochi minuti, il tempo che tornino a galla, raccoglierli con una schiumarola e adagiarli in padella con il sughetto al pomodoro. Farli insaporire mescolandoli delicatamente nel sughetto (a fuoco spento) e aggiungere una spolverata di parmigiano per aiutare l’amalgama, impiattare e aggiungere del basilico fresco. la ricetta dello chef Antonio Sorrentino



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu