La supplica di Napoli a Giuseppe Moscati, il medico santo

Grande Napoli

Nella chiesa che conserva i resti di San Giuseppe Moscati, il santo medico di Napoli, il dottore vicino agli ultimi, venerato e pregato soprattutto da tanti che si rivolgono a lui per chiedere un aiuto di fronte a malattie gravi, proprie e di familiari, ecco che compaiono, sui banchi, le invocazioni al tempo del Coronavirus. ‘Chi può metta, chi non può prenda’, diceva Moscati in vita e il suo motto compare sul ‘panaro’ solidale, il cesto esposto in strada per raccogliere e offrire aiuto ai bisognosi in questi giorni di emergenza, anche economica.

 

Nella Chiesa del Gesù, immensa ma deserta, ci sono oggi pochissimi fedeli, sei o sette, e con la mascherina. Si soffermano davanti alla statua a grandezza naturale di Moscati raffigurato con camice e stetoscopio nella cappella che ospita i resti del santo. Pochi minuti, il tempo di una preghiera. Poi, via. E del resto la chiesa che era aperta tutta la giornata, sempre affollata, scelta da tanti sposi per il loro matrimonio, chiude i battenti. Uno dei fedeli, un anziano, dice: “San Giuseppe Moscati ha guarito tanta gente, riponiamo in lui la speranza. Ci auguriamo che questa tragedia passi presto e che l’umanità impari dopo questa emergenza a comportarsi meglio”.

 

“O Dio, Padre nostro, ricco di bontà infinita – recita la preghiera – guarda il Tuo popolo provato da una grave epidemia.
Fa che ancora e sempre possiamo sperimentare la Tua grande misericordia e la Tua paterna tenerezza. Ti affidiamo tutti gli ammalati, gli anziani, i bambini e le loro famiglie; proteggi i medici e tutti gli altri operatori sanitari che, con abnegazione, sono in prima linea per aiutare le tante persone colpite dal male; dona luce e sapienza a quanti cercano nuove vie per salvaguardare la nostra salute”. Prosegue con l’invocazione alla Madonna, a San Gennaro, protettore di Napoli e della Campania e continua con i santi medici, San Ciro e poi San Giuseppe Moscati: a loro l’affidamento per “la liberazione da questa epidemia per cantare e ringraziare con cuore nuovo la misericordia di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo”. (ANSA).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu