La scarola ripiena: un piatto unico perfetto per la tavola estiva!

Valentina Cosentino
La scarola ripiena: un piatto unico perfetto per la tavola estiva!
Vota questo articolo

La scarola ‘mbuttunata, come si dice a Napoli, è un piatto della tradizione buono per tutte le occasioni. Poco calorico, da servire anche tiepido e si eliminano le acciughe ottimo anche per i vegetariani.

 

E’ un piatto meno noto tra quelli della cucina napoletana, ma ha come base la scarola che, insieme ai friarielli, può dirsi la regina dell’orto napoletano.

 

Gli ingredienti sono più o meno gli stessi utilizzati per il ripieno della pizza di scarole, ma composti in un delizioso e scenografico piatto che all’occorrenza può essere adatto anche per la tavola della festa. Il sapore della scarola unito all’amarostico delle olive nere di Gaeta, al dolce dell’uvetta e il croccante dei pinoli ne fanno un piatto delizioso cui nessuno saprà davvero resistere.

La ricetta

Ingredienti per 3 persone

  • 3 cespi di scarola riccia
  • 1 cucchiaio di capperi sotto sale
  • 75 gr pane grattugiato
  • 150 gr olive nere di Gaeta
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 gr uva sultanina
  • 20 gr pinoli tostati
  • 3 filetti di acciughe
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • spago da cucina

 

Procedimento

Mondare la scarola eliminando le foglie più esterne, sbollentare i cespi interi per pochi minuti in una pentola con abbondante acqua in ebollizione, scolarli e lasciarli raffreddare su un piano avendo cura di non romperli.

Mentre la scarola si raffredda si può preparare il ripieno. In una padella si fa soffriggere nell’olio l’aglio, senza farlo bruciare, aggiungendo le olive nera denoccciolate, i capperi, i pinoli, le acciughe e il pane grattugiato. Una volta pronto aggiungere l’uvetta bagnata per un minuto in acqua e il prezzemolo. Aggiustare di sale se necessario.

Il ripieno così preparato deve essere utilizzato per riempire la scarola. Con molta cautela aprire i cespi e, al centro, mettere una generosa quantità di impasto. Chiudere con lo spago per evitare fuoriuscite in cottura.

Cospargere con un filo d’olio una teglia da forno e disporre i cespi di scarole legasti. Cuocere a 180° per 25 min circa.

 

Varianti

Se piace. al ripieno possono essere aggiunti tre cucchiai di pecorino.

Una variante della ricetta permette di evitare la cottura in forno. In tal caso le scarole vengono la riempite a crudo. I cespi una volta legati sono poi cotti in un tegame ampio e dai bordi alti, con il coperchio, avendo cura di irrorare con acqua, se necessario per evitare che bruci. Questo secondo procedimento è sicuramente più veloce, ma richiede maggiore attenzione in cottura.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu