La Principessa Sissi è stata a Napoli. Il viaggio galeotto

Personaggi
Articolo di , 29 Dic 2020

 

Nell’immaginario comune la Principessa Sissi è sicuramente uno dei personaggi di sangue blu a cui si è maggiormente affezionati. Questo è decisamente il risultato della saga cinematografica che l’ha vista interpretata da Romy Schneider. Ma anche del carisma del quale pareva eccellere, della vita vissuta non con estrema felicità, dei buoni sentimenti dei quali si dice fosse dotata e dei rigidi canoni reali ai quali non voleva sottostare.

I viaggi della Principessa

Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, nata duchessa in Baviera, moglie dell’imperatore Francesco Giuseppe D’Austria, e divenuta imperatrice d’Austria, non si risparmiò di certo nella sua vita. Intraprese viaggi anche laddove sarebbe stato più sicuro evitare. Ciò perché esplorare il mondo e scoprirne i luoghi era tra le più grandi passioni dell’amata fanciulla. Tra le sue fughe risulta rientrarne una non molto nota: quella nel capoluogo campano.

Sissi a Napoli

Nel novembre del 1890 la principessa Sissi decise di approdare nella bella Napoli. L’undici del mese arrivò di soppiatto in città, dove restò ben cinque giorni. Il soggiorno fu così piacevole da farla innamorare del luogo. Elisabetta d’Austria passò le sue giornate tra cultura, arte e shopping. Gli artigiani partenopei la ammaliarono con le proprie doti, tra materiali preziosi, intarsi raffinati e particolarità locali. Gioielli, mobilio e pezzi d’arte furono i più grandi acquisti che fece in terra campana.
A far innamorare la giovane donna fu però anche il cibo. Una sosta durante le sue tappe fu effettuata al Gran Caffè Gambrinus, dove la gentildonna assaggiò un delizioso gelato al gusto di violetta. Il raffinato dessert è ancora oggi nel menù del rinomato luogo.

La tappa alla Reggia di Caserta

Nel soggiorno campano, Sissi non si lasciò sfuggire l’opportunità di accorrere alla Reggia di Caserta. Lì sapeva di trovare delle opere molto care alla sua persona. Apprezzò, infatti, il dipinto che rappresentava sua sorella Marie Sophie Amalie von Wittelsbach. E restò commossa dinanzi a quello di suo figlio Rodolfo, che si tolse la vita l’anno precedente, dopo aver ucciso Maria Vetsera, la sua amante.

 

La ricognizione a Pompei

In treno la reale si spinse fino a Pompei, poiché proprio lì degli artisti locali si stavano occupando di alcuni affreschi che sarebbero poi stati riprodotti nella sua villa a Corfù.

Una replica a “La Principessa Sissi è stata a Napoli. Il viaggio galeotto”

  1. Pasquale ha detto:

    Potevate dire che era la cognata di Re Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...