La Ducker Crew: “Diamo voce ai ballerini e riqualifichiamo Napoli dando voce alle sue bellezze”

Paola Palmieri

 

La Ducker crew è un giovane gruppo napoletano di ballerini hip hop che sta spopolando sul web con il video “Moncler”.  Guidati dalla bravissima coreografa e ballerina Simona Paparone, fondatrice e ideatrice del progetto, la crew  dà voce ai ballerini e riqualifica Napoli attraverso le sue bellezze.

 

La Ducker crew è una vera e propria famiglia composta da 4 gruppi divisi per fascia di età : Little Ducker (5-8 anni), Young Ducker (9-12), Wild Ducker (13-16), The Ducker mob (over 17).

Il Nome Ducker prende spunto dal cognome di Simona “Paparone”, sfruttando lo slang inglese per Papera, difatti il logo della crew è una fusione tra il simbolo stradale dell’attenzione e la zampa di una papera. Da lì i colori nero e giallo delle divise!

 

I protagonisti del popolare video  sono i The Ducker Mob (over 17) cresciuti con Simona come fratelli e sorelle. Sono i veterani della crew ed avevano soltanto 9 anni quando sono entrati in sala per la prima volta. Da loro inizio hanno vinto molte competizioni regionali e nazionali nell’ambito dell’Hiphop. E’ questo un gruppo di ragazzi che è  esempio di come come con sudore e sacrificio si possa raggiungere qualsiasi obiettivo, hanno rinunciato alle loro uscite serali e a tanto altro per essere presenti in sala e sposare una causa comune: la passione per l’Hip Hop. 

 

Il video, registrato tra via Toledo, Rione sanità e i Quartieri Spagnoli, nasce dalla idea di creare non soltanto la solita coreografia tecnica da mostrare ad un pubblico di ballerini, ma di arrivare anche ai cuori di chi non pratica questa arte, alla gente comune, correlando coreografie ed emozioni, giocando su un doppio canale ed iniziare a dar voce alla figura dei ballerini che talvolta passa in secondo piano nell’ambito musicale.

 

“La mia è una denuncia per cercare di arrivare a dei modelli americani dove lo show è l’arte a 360º, accompagnare la danza e l’ impegno coreografico di scena al rapper o al cantante che solca un palco, per dare Giustizia ad un arte lasciata ancora dietro ai riflettori”, afferma Simona.

 

La gente ha bisogno di emozionarsi, e questo video ne è l’ esempio: in soli 2 giorni è arrivato a 100.000 visualizzazioni . Condiviso ed apprezzato anche dall‘autore del brano Geolier, noto artista napoletano, e dai suoi produttori e manager.

 

Alla domanda ” Ti senti più un insegnante, una coreografa o una ballerina? ” Simona risponde: “ Non si può definire un’artista, se limiti l’artista ad una sola etichetta lo snaturi della sua più’ grande qualità : L’eclettismo. “

 

Biografia di Simona Paparone

Simona è nata e cresciuta a Napoli, ha iniziato a ballare all’età di 10 anni. Ha provato ad approcciarsi al mondo della danza classica ma con scarsi risultati, rifiutando la proposta di una carriera completa con testuali parole “ Troppe regole e troppo rigore non fa per me”.

 

La madre la accompagnò alla sua prima lezione di Hip Hop e ne rimase folgorata. L’idea che il movimento delle danze urbane potesse prendere spunto da qualsiasi cosa, le concedeva la libertà di esprimersi senza vincoli o canoni. Ha iniziato per gioco come allieva, si è diplomata  ed oggi insegna in diverse scuole di Napoli e dintorni.

 

Coreografa vincitrice per 2 anni consecutivi dell’evento Napoli hip Hop Festival (2018-2019) e dell’evento Mad4dance Roma come coreografa di megaCrew e fondatrice-ideatrice della Ducker Crew.

 

Insegnante per Barbara Postiglione (Spazio Arte) Varcaturo-Giugliano in Campania. Ballerina televisiva per la Rai, Presenter ed insegnante di eventi musicali e di danza. Coreografa/art director di videoclip musicali italiani. Coreografa per le “Universiadi Napoli 2019″. Responsabile esclusiva di progetti formativi di danza in Campania.

 

Instagram Simona Paparone: https://www.instagram.com/misnoa24/

Instagram Ducker Crew:  https://www.instagram.com/ducker__hiphopcrew/

Segui il Canale Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=76SwnKIr0BI

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu