La Campania regina delle Spighe Verdi, i borghi rurali premiati

Valentina Cosentino
La Campania regina delle Spighe Verdi, i borghi rurali premiati
Vota questo articolo

 

La Campania con ben 5 borghi premiati è tra le regioni con più Spighe Verdi in Italia. Le Spighe verdi sono un prestigioso riconoscimento che vien assegnato da Fee Italia, la sezione nostrana della ong danese Foundation for Environmental Education ed è in un certo senso il cfo4rrispettivo delle ben note Bandiere Blu assegnate alle località marine.

 

 

Le Spighe Verdi sottolineano l’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’agricoltura e alla sostenibilità, in Campania i borghi premiati sono 5: Agropoli, Positano, Pisciotta, Massa Lubrense e Ascea.

In cima alla classifica le Marche con 6 borghi premiati e al secondo posto con 5 borghi a pari merito con la nostra regione c’è la Toscana.

 

Seguono:  la Puglia (Castellaneta, Ostuni e Carovigno), il Veneto (Calalzo di Cadore, Caorle, Montagnana), il Lazio (Canale Monterano e Gaeta) e l’Abruzzo (Tortoreto e Giulianova). Una sola località per il Piemonte (Alba), la Liguria (Lavagna), l’Umbria (Montefalco) e la Sicilia (Ragusa).

I riconoscimenti sono assegnati da una commissione composta da rappresentanti del ministero dell’Ambiente a quello delle Politiche agricole, rappresentanti del Comando unità tutela forestale, ambientale e agroalimentare dei Carabinieri, l’Ispra, il Cnr e Confagricoltura sulla base di questionari compilati dai comuni che includono dati e informazioni in sedici ambiti diversi:  partecipazione pubblica, educazione alla sostenibilità, assetto urbanistico, agricoltura, protezione della biodiversità, conservazione e valorizzazione del paesaggio, tutela del suolo, gestione del ciclo dei rifiuti, efficienza energetica, qualità dell’aria, dell’acqua e dell’ambiente sonoro, mobilità sostenibile, turismo e fattori di rischio del territorio.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu