Importante studio sui Campi Flegrei. Ecco perché la terra si solleva

Grande Napoli
Importante studio sui Campi Flegrei. Ecco perché la terra si solleva
Vota questo articolo

I vulcanologi dell’Osservatorio Vesuviano smentiscono tutte le ipotesi formulate negli ultimi 30 anni

La ricerca sui Campi Flegrei è stata condotta dalla Seconda Università di Napoli e dell’Osservatorio Vesuviano. Lo studio, pubblicato da Fanpage, osserva che il bradisismo attuale, ossia il sollevamento e l’abbassamento del suolo nella zona del supervulcano sommerso più pericoloso d’Europa, non sarebbe causato dal magma che tenta di risalire, ma dall’acqua spinta dalla pressione dei gas nel sottosuolo.

In pratica, secondo gli esperti vulcanologi Giuseppe De Natale, Claudia Troise, e Roberto Moretti, tutte le ipotesi formulate fino ad ora per motivare l’innalzamento di ben 38 cm di suolo negli ultimi anni, vengono smentite dal nuovo modello presentato pochi giorni fa alla conferenza Goldschmidt a Yokohama in Giappone.

Gli scienziati hanno monitorato la zona dei Campi Flegrei raccogliendo tutti i dati prodotti negli ultimi 30 anni dall’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Abbiamo analizzato tutti i dati raccolti negli ultimi 30 anni e il nostro modello sembra indicare che il fenomeno attuale è dovuto all’attività idrotermale, alimentata dalla pressione dei gas magmatici profondi, piuttosto che alla risalita di magma o alla formazione di una camera magmatica superficiale posta a circa 3-4 chilometri di profondità” spiega il professor Moretti.

Pare, infatti, che la risalita di magma si sia verificata solo negli anni ’70 e ’80, quando il suolo nel porto di Pozzuoli si sollevò  di circa 3,5 metri dal 1969 al 1984.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu