Il tarallo fritto, una tradizione che si rinnova

Tarallo_fritto
Fabio Avallone
Il tarallo fritto, una tradizione che si rinnova
Vota questo articolo

Passione di Sofì”, la nota friggitoria di via Toledo, ha rielaborato un grande classico della tradizione culinaria napoletana. Stiamo parlando del tarallo, fatto con ingredienti semplici – farina, strutto, mandorle baresi, pepe, sale, acqua e lievito madre – che viene però servito dopo essere stato fritto, il che gli conferisce un nuovo sapore ed una nuova consistenza.

A Napoli, si sa, sono moltissime le friggitorie che servono prodotti di qualità, non a caso le grandi catene di fastfood e streetfood qui hanno difficoltà a conquistare il mercato. Proprio la concorrenza spinge tutti a migliorare la qualità e la varietà dell’offerta, in una continua ricerca del difficile equilibrio tra tradizione e novità.

Passione di Sofì, il cui nome deriva dalla popolana che rubò il cuore di Ferdinando I di Borbone, il Re “Lazzarone”, grazie alle sue irresistibili abilità culinarie, ha addirittura ricostruito, al primo piano della friggitoria, la Casa di Sofì, così da offrire alla clientela un ambiente caratteristico dove gustare un tarallo o un crocché. A chi sostiene che la frittura sia dannosa per la salute risponde direttamente Angelo Terzo, il patron: «La frittura da sempre viene consumata come un cibo di strada, già nel 2500 a.C. in Egitto era una pratica diffusa, così come nell’epoca romana. Anche a Napoli ha origini antiche, è un rito, uno stile di vita, perché fa parte della cultura partenopea che vive la città anche nelle sue strade, nei suoi vicoli, nei suoi luoghi.

Ad oggi poi diversi scienziati dopo nuove ricerche, hanno scoperto che la frittura non sia dannosa come si racconta da anni ma addirittura sembra essere un ottimo modo per prevenire molte malattie come il cancro anzi. Ed inoltre è affermato che le verdure mantengono le loro proprietà nutritive di più se fritte nell’olio d’oliva rispetto a quando sono cotte in acqua. Il segreto è usare l’olio giusto e non esagerare, come in tutte le cose».



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu