Il nostro Indiana Jones Napoletano: racconta l’incontro “casuale” con una persona speciale!

Frank Damiano
Vota questo articolo

 

Frank, il nostro Indiana Jones NapoletanoNon un’esplorazione, questa volta ci racconta l’incontro “casuale” con una persona speciale, quelle che soltanto a Napoli puoi conoscere.

 

A Francesco ce piace ‘o presepe

Spesso, dòppo varie ore passate al pc, aggio bisogno di prendere ‘nu poco d’aria e puntualmente faccio sempe ‘o stesso giro, comme l’altro giorno: dalla Pignasecca arrivo a Piazza d’’o Gesù, vaco diritto verso #Via Benedetto Croce, me guardo ‘nu poco Piazza San Domenico Maggiore (mi diverto a fare il cliente del “rettore stradale” di Matematica che sta all’incrocio ‘e Via Mezzocannone, qualcuno putesse pensà che faccio ‘o palo d’’o Rettore), proseguo verso Piazzetta Nilo e poi me ne saglio verso ViaTribunali. ‘O giro è più o meno sempe chìsto.

 

Quanno arrivo nei pressi del Conservatorio veco ‘nu laboratorio di presepi, non molto curato, la verità è che l’aggio visto tante volte ma non mi ero mai soffermato più di tanto, in questa vita se va sempe ‘e pressa. Attaccato al cancello esterno ‘nu biglietto scritto a penna: “Ingresso libero”.

Butto un occhio all’interno: ‘nu vicchiariello, ma non troppo, sta facendo ‘o presepe, entro.

“Buongiorno, cosa fate di bello?”. Tenevo poca fantasia chella jurnata, in un laboratorio pieno di pastori e presepi che puteva fare ‘stu signore!

 

‘O vicchiariello (Francesco) me fa assettà ‘ncòppa ‘a nu scannetiéllo e accummencia ‘a parlà: “Faccio ‘o presepe ma non lo vendo”. O meglio, lo vende pure ma lui ‘o ffà principalmente pe’ #sfizio e per #passione. Da quando è andato in #pensione spende quasi tutti i soldi in affitto d’’o laboratorio e pe’ s’accattà il materiale pe’ ffà ‘e pasture.

‘A chiacchiera procede tra ‘a filosofia d’’o presepe, comme se ffà (“Sempe a tre livelli”) e il significato metaforico de’ pasture alla nostalgia di quando la nonna, per educarlo dòce dòce, prìmma e jì a durmì gli raccontava le parabole.

 

Quando d’istinto gli chiedo “Prìmma d’’a pensione che facevi?” Francesco me guarda dìnto all’uócchie, fa ‘nu surrìso e po’ s’appiccia ‘na sigaretta.

Quell’uomo che avevo guardato dall’esterno del laboratorio, prima di entrare, e devo ammettere con “sana” presunzione (chìsto vicchiariello oltre ‘o presepe che po’ ffà), d’improvviso me ffà sciogliere ‘o sànghe dìnt’ ‘e vene. Mai dare nulla per scontato a Napoli!

 

Francesco pe’ ‘na vita intera è stato il custode di tutti i manoscritti e spartiti musicali originali della Scuola Musicale Napoletana del 600’ e 700’ (Paisiello, Bellini, Durante, Scarlatti, Bellini, Cimarosa etc) protetti ancora oggi nella biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella. Inoltre ha conosciuto personalmente i grandi compositori, tenori e direttori d’orchestra “moderni” come Muti e Pavarotti, lo testimoniano ‘e fotografie appese dìnt’ ‘o laboratorio.

Ce brillano l’uócchie quanno mmé dice uno ad uno.

 

Durante ‘a guèrra, racconta, i manoscritti furono preservati in alcuni sotterranei e quando fu ristabilita ‘a pace toccò proprio a lui e ad altri “prescelti” di riportarli verso la luce e restaurarli d’’a póvere e l’umidità d’’o sottosuolo. Ci vollero anni ed anni pe’ completare il trasporto ed il ripristino di migliaia di manoscritti che adesso brillano dìnto ‘a biblioteca.

 

Ogni studente proveniente da qualsiasi parte d’’o munno che aveva una tesi di laurea su un manoscritto doveva “passare” da lui, non per cattiveria, pecché con quei testi nun se poteva maje sapé!

Come quando un americano tentò di strappare ‘na pagina di un importantissimo manoscritto e fu acchiappato ‘a tiémpo e segnalato a tutt’ ‘e biblioteche d’’o munno.

 

Francesco nun trase cchiù da anni dìnt’ ‘o conservatorio, la bottega dei presepi è a pochi metri e chi ‘o sape, forse, ogni juórno quanno passa annaze ‘o purtone dell’istituto musicale penserà i suoi cari manoscritti, da uno sguardo e se ne va. Po’ trase dìnt’ ‘o laboratorio e accummencia a sbarià, pecché a Francesco ce piace ‘o presepe.

 

Je me ne torno ‘a casa e penso: In questo momento, in qualsiasi parte del mondo una casa farmaceutica spende miliardi per “progettare” nuovi farmaci antidepressivi mentre io assumo una medicina naturale dalla quantità infinita e senza prescrizione chiamata Napoli.Che ciorta!

Questo slideshow richiede JavaScript.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu