Il New York Times incorona la diva Sofia

Valentina Cosentino

 

Sophia Loren regna ancora dopo 70 anni di celebrità. In “The Life Ahead”, basato su un romanzo di Romain Gary, Sophia Loren interpreta Rosa, una prostituta italiana in pensione che diventa una specie di nonna adottiva per un giovane rifugiato africano. Il film, diretto dal figlio della Loren, Edoardo Ponti, è caldo e un po ‘sentimentale nel suo umanesimo, il che lo rende un veicolo perfetto per il carisma immacolato della Loren. A 86 anni, una star del cinema sin dalla sua adolescenza, non ha più nulla da dimostrare. Ma ha ancora tutto ciò che l’ha resa l’icona regnante del cinema italiano per così tanto tempo. È maestosa come sempre, ma anche essenzialmente e appassionatamente populista: una dea dello schermo il cui dominio è sempre stato il mondo dei comuni mortali.

 

Queste le parole che l’autorevole quotidiano americano New York Times usa per omaggiare Sofia Loren includendola nella classifica  The best Actors 2020  al sesto posto per la sua interpretazione nel film diretto dal figlio Edoardo Ponti “La vita davanti a sè” distribuito su Netflix.

 

La sua interpretazione potrebbe portarle  una  nomination agli oscar 2021.

 

Sofia Loren non è l’inica italiana in classifica perchè al 19 posto si piazza Luca Marinelli per la sua interpretazione in Martin Eden di Pietro Marcello: “bello come un classico idolo del cinema – Rodolfo Valentino? Gary Cooper? Paul Newman? Alain Delon? tutti quanti assieme? – ma con con lo spirito di interpretare Martin come un uomo che crede che il proprio destino e il progresso umano coincidano“.

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu