I ragazzi campani nominati Alfieri della Repubblica

Paola Palmieri

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha premiato 25 giovani Alfieri della bontà e della creatività.

 

Il presidente ha conferito 25 attestati d’onore di “Alfiere della Repubblica” a giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono giovani che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese. Tra i premiati due ragazze della Campania.

 

Elena Salvatore, 9 anni di Nola in un video postato su Facebook la piccola ai suoi concittadini di Nola (Napoli) chiese di “usare il cervello” e di rispettare chi come lei è su una sedia a rotelle e non ha l’uso delle gambe.

 

Il suo appello fu molto chiaro: “Dovete avere più civiltà, educazione, ci mancate di rispetto ogni giorno. Siete così concentrati su di voi che non pensate a noi, pensate che noi non esistiamo ma noi esistiamo e lotterò ogni giorno per dire no ai marciapiedi pieni di ogni cosa”. Per questo motivo il Capo dello Stato le ha conferito l’attestato d’onore di “Alfiere della Repubblica”. Elena nel video continua affermando: “I marciapiedi sono pieni di ogni cosa, bidoni, spazzatura, biciclette, macchine, di tutto e di più,- la maggior parte dei marciapiedi sono senza lo scivolo per salire e scendere e i pochi che lo hanno sono utilizzati come parcheggio da macchine. Anche una piccolezza del genere per noi è una mancanza di rispetto. La città non è solo vostra anche noi siamo cittadini”. “Vi chiedo il rispetto, e di far funzionare il cervello. Dico no alla barriere architettoniche e sì alla libertà di movimento”.

 

La seconda premiata è Maria Zagaria, 15 anni di Casal di Principe la ragazzina che col suo impegno è riuscita a far fondare la Biblioteca comunale “Il Grillo parlante”.  Nella nota si legge “Maria Zagaria, 15 anni, residente a Casal di Principe, per l’impegno e la tenacia con i quali ha sostenuto il suo progetto di realizzare una biblioteca a Casal di Principe: obiettivo raggiunto grazie a una mobilitazione che ha coinvolto la città e il mondo della cultura.”

 

(Fonte la Repubblica.it)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu