Gusta la tradizione: i paccheri all’acquapazza

Maddalena Sorbino

È ben risaputo che la cucina napoletana incanta il cuore e, ovviamente, lo stomaco di chi ama mangiare bene e con gusto!

 

In particolar modo, fiore all’occhiello della tradizione culinaria partenopea è la cucina a base di pesce, che vanta una tradizione secolare.

Le ricette più famose vengono tramandate di madre in figlia, di nonna in nipote, affinché l’antica storia e i piccoli segreti gastronomici dei nostri avi, vengano conservati senza perdere di originalità.

 

Il pacchetto all’acquapazza è una vera delizia: il pesce impiegato in questa nobile ricetta è il coccio, esemplare tipico del nostro mare, e la pasta più consigliata è il pacchero di Gragnano, in quanto saprà stupirvi la “tenuta” irresistibile del sugo.

La Ricetta

Ma veniamo agli ingredienti! Tutto ciò che vi serve è: il coccio, i paccheri, i pomodorini del pendolo (altra peculiarità campana), 1 spicchio di aglio, olio evo, peperoncino, prezzemolo e, naturalmente, sale.

 

Innanzitutto, fate sfriggere l’aglio e il peperoncino nell’olio. Successivamente, quando è ben dorato, unite il pesce precedentemente ben pulito, poi i pomodorini dapprima tagliati a metà e due mestoli di acqua (meglio se già calda!).

Coprite il tutto e lasciate cuocere per circa 20/30 minuti.

Nel frattempo, quando mancheranno pochi minuti al termine della cottura, portate ad ebollizione l’acqua che vi servirà per la cottura della pasta. Una volta pronta e ben al dente, scolate e inserite i paccheri nel sugo del pesce. Completate la cottura saltando e girando energicamente fin quando il sugo non vi sembrerà ben rappreso.

Tagliuzzate, infine, il prezzemolo, spolveratelo nel sugo e servite ben caldo.

Ricordatevi di lasciare qualche pomodorino da parte per guarnire il piatto.

 

Piccola aggiunta per chi gradisce: molti preferiscono a fine cottura del coccio sfumare con un goccio di vino bianco. Ne gioverà il palato, anche se, questo “extra” non è del tutto tradizionale!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu