Guarattelle napoletane

Tradizioni popolari
Articolo di , 23 Lug 2015

Parlando sotto il profilo artistico di Napoli, la città è famosa soprattutto per la sua tradizione teatrale.
Il teatro è stato ed è una gran parte della cultura partenopea e ancora oggi è rimasto nella nostra genetica con le movenze, soprattutto delle mani, e i toni di voce.
Il teatro è nato nell’antichità, passando il medioevo e fino ai giorni nostri dimostrandosi sempre come una grande attrattiva per tutti proprio per il linguaggio semplice e univerale che viene utilizzato.
Le guarattelle sono tipiche del teatro napoletano e fa parte di quelle rappresentazioni del teatro di figura che non coinvolgono attori fisici, bensì pupi, marionette, burattini e ombre (tipiche del teatro cinese per esempio).
I pupazzi utilizzati possono essere mossi con fili, bastoncini, dita o mani, ma l’attore che recita il dialogo non viene mai visto.

In questo tipo di teatro è proprio la voce che fa la gran parte del lavoro mentre le figure contribuiscono ad un’atmosfera soprattutto comica anche se alcuni spettacoli possono coinvolgere il dramma.
Tra le figure più conosciute ovviamente c’è Pulcinella, la maschera tipica di Napoli, che spesso rappresenta “l’uomo qualunque” con tutte le difficoltà, talvolta comiche, della vita quotidiana.
Il suo personaggio è vitale, anti eroico, ribelle e soprattutto irriverente e anche la sua voce è particolare poiché di solito viene rappresentato con un tono quasi metallico grazie ad uno strumento che l’attore che gli da la voce utilizza.

Pulcinella è diventato il protagonista del teatro di figura in tutta europa e la sua fama non è mai scemata, anzi.
Ultimamente infatti il teatro con marionette e quant’altro sta ritornando di voga e per strada qualche volta, specialmente nelle fiere, ci si può imbattere in una voce quasi stridula, con azioni comico drammatiche e frasi irriverenti e allora si capisce che si è in presenza del nostro caro Pulcinella.
Inoltre tipico di questo teatro è la sua modernizzazione per quanto riguarda i temi trattati, non di rado le rappresentazioni coinvolgono anche marionette che simboleggiano fugure politiche o personaggi famosi ai quali spesso Pulcinella dà qualche lezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...