Gliuommenaro: uno degli antichi mestieri di Napoli!

Gliuommenaro: uno degli antichi mestieri di Napoli!
1 (20%) 1 vote

Tra gli antichi mestieri napoletani ce n’è uno che non tutti conoscono, lo gliuommenaro ma chi è e di cosa si occupava? Scopriamolo insieme.

 

Tra gli antichi mestieri napoletani ce n’è uno che non tutti conoscono, ma che era molto quotato in passato e che ha contribuito a far conoscere la nostra città nel mondo e nel tempo, stiamo parlando dello gliuommenaro.

 

Questo mestiere dalla difficile pronuncia, scriverlo non risulta più semplice, vi assicuriamo, più che un mestiere era quasi una vocazione. Chi si dedicava a questa professione infatti era un’ artista, una persona amante dell’arte, che di solito suonava uno strumento musicale e si esibiva per strada in cambio di una moneta. Il mestiere dello gliuommenaro era molto diffuso nel XIV secolo e nel XV secolo ed era adatto solo agli uomini dalle spiccate doti artistiche che con la loro voce potevano trasformare  le storie in canzonette, in filastrocche, in ballate, scrivevano poemi che poi mettevano in musica,  insomma grazie al loro talento,  la città diventava un palcoscenico, un vero e proprio teatro all’aria aperta dove tutti poteva assistere a performance di un certo livello. Questo mestiere riuscì a sopravvivere fino alla metà dell’800, i gliuommenari spostarono la loro arte dalle strade per proporla all’interno dei primi tram, rivolta ad allietare un pubblico di pendolari, ma questo fenomeno durò poco.

Gliuommenaro oggi

Oggi la figura dello gliuommenaro è pressochè scomparsa o quanto meglio potremmo dire evoluta sotto forme diverse. A raccontare le storie di Napoli in modo folkloristico ci pensano i neo melodici, ma diciamoci la verità sono tutt’altro che economici, se si esibiscono in strada lo fanno sempre su di un  palco, oppure durante i ricevimenti, e guadagnando cifre di un certo livello, ci sono gli artisti di strada nelle piazze più quotate della città, ma in realtà sono ben distanti dalla magia creata dai gliuommenari che oltre a portare musica e intrattenimento erano una vera e propria istituzione in città, insomma pare proprio che oggi per questo mestiere non ci sia più posto e che resti soltanto un vecchio ricordo in musica della città di Napoli.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu