Gli spaghetti alla Procida: tutto il gusto del mare in tavola

Maddalena Sorbino

La ricetta degli spaghetti alla Procida è davvero gustosa e semplice da fare. Basta scegliere bene il mollusco che andrete a cucinare e avere attenzione nella cottura di quest’ultimo. Con qualche piccolo accorgimento, potrete godere di un piatto davvero spettacolare!

Gli spaghetti alla Procida sono un piatto divenuto di fama mondiale proprio per la sua caratteristica squisitezza.

L’isola, si sa, grazie alle sue caratteristiche, all’aria che si respira e al mare, incondizionatamente bello e ricco di specie diverse, regala delle ricette tradizionali davvero molto gustose e piacevoli da riproporre nelle nostre case.

Questa pietanza non è difficile da preparare e consta di pochi e semplici ingredienti.

L’elemento principale è il polipo fresco che rievoca il sapore e il calore dell’estate. Stranamente, tuttavia, questo piatto tradizionalmente non prevede l’uso dei pomodori che, però, vedrete in questa ricetta. Se volete ometterli, nessun problema, il procedimento sarà lo stesso.

 

Alcuni dicono che cucinare il polpo decongelato sia meglio in quanto esso in tal modo risulta veramente morbido e poco calloso. In realtà, con un po’ di attenzione durante la preparazione del piatto, anche il polpo fresco soddisferà queste caratteristiche stuzzicanti.

Innanzitutto prediligete sempre il polpo verace da acquistare, quello che vive tra gli scogli e che avrà due file di tentacoli ma soprattutto un colore brillante. Ricordiamo, inoltre, che la carne di questo mollusco è una delle più prelibate e magre, quindi è sempre il giorno adatto per cucinare e mangiarne uno!

 

Pulitelo attentamente: sciacquatelo sotto l’acqua fredda e strofinate con le mani la testa e i tentacoli. Successivamente eliminate con un coltello ben affilato la sacca all’altezza degli occhi. Estraete quindi il becco e gli occhi. Con un batticarne battete sul mollusco per qualche minuto. In questo modo romperete le fibre e renderete la carne dello stesso molto più morbida e tenera.

 

Sciacquate ancora, facendo attenzione alle ventose ed estraete, infine, le interiora.

Ora, possiamo procedere con la preparazione della nostra ricetta!

 

Ingredienti

 

  • 1 polipo da 1 kg;
  • 500 gr di spaghetti o linguine;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 10 pomodorini del piennolo (se preferite);
  • sale, peperoncino, olio evo e prezzemolo quanto basta.

 

Procedimento

 

Prendete una pentola e inserite l’acqua necessaria alla cottura del polipo. Una volta arrivata ad ebollizione calate il polpo all’interno per 3 volte. Vedrete i tentacoli arricciarsi sempre di più. Questo servirà a far sì che, grazie allo sbalzo termico, il polipo rimarrà morbido e giustamente calloso. Facciamolo cuocere per circa 40 minuti. Per sapere se è pronto proviamo ad infilare una forchetta nella parte centrale. In tal caso, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare il mollusco nella sua stessa acqua.

 

Mi raccomando, non gettate mai quell’acqua di cottura, servirà poi per la cottura della pasta.

Quando si sarà raffreddato toglietelo dall’acqua e tagliatelo a pezzi.

Ora prendete l’aglio, i pomodorini e inserite insieme ad abbondante olio evo in una padella. Accendete e fate cuocere con un mestolo di acqua di cottura del polipo per circa 4/5 minuti. Salate (attenti alla sapidità del polipo) e aggiungete il polipo. Ora fate bollire altra acqua per calare la pasta. Una volta cotta al dente, scolate e inserite nella padella con il polipo. Saltate energicamente, e aiutatevi con l’acqua di cottura del polipo. Inserite il tutto nel piatto, con cura, e aggiungete un po’ di peperoncino e del prezzemolo profumato tritato.

 

Servite ben caldo, gustate e buon appetito!

 

Foto: FraGolosi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu