Fogna esplode e si riversa in mare. Disastro ambientale a Posillipo

Grande Napoli

 

“E’ bastato un temporale estivo per creare scene da “apocalisse” a Posillipo. Una scalinata si è letteralmente trasformata in una cascata, inondando di acqua la strada sottostante.

 

Purtroppo questi fenomeni sono abituali ogni qual volta piove e creano problemi anche all’economia della zona. Ne sanno qualcosa i gestori dei lidi che, all’improvviso, si sono ritrovati una chiazza di terriccio nel tratto di mare antistante la spiaggia di via Posillipo. Purtroppo la mancanza di manutenzione degli scarichi pluviali crea una serie di problemi che impattano gravemente anche sulla vita dei cittadini che si trovano a fare i conti con disagi di vario tipo.

 

Sono anni che a Posillipo non avviene un espurgo delle caditoie e degli scarichi e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla I Municipalità Gianni Caselli. “Tra l’altro – proseguono – gli scarichi pluviali sono spesso occlusi da rami, cartacce, cicche di sigarette e terriccio. Tale problema è connesso all’assenza di cura del verde pubblico e dai troppi incivili che usano le strade come pattumiere. Un esempio lampante è via Petrarca dove i marciapiedi sono invasi dalla resina. La criticità in questo caso dipende dalla mancata potatura degli alberi. Abbiamo inviato una nota alle autorità competenti chiedendo di intervenire per un espurgo straordinario e per far potare il verde pubblico posillipino”.

 



Comments to Fogna esplode e si riversa in mare. Disastro ambientale a Posillipo

  • Però così è sputtanapoli.. ed è scorretto fare cattiva informazione, titolando e assecondando l’ignoranza.
    Invece di sfamare gli haters, bisogna istruire con la verità vera.
    Adesso non ci vuole niente a sputtanare Napoli con articoli e video così nel web..

    Avatar Claudio 10 Luglio 2019 10:35 Rispondi
  • LA MIA PENSIONE DI STATALE E’ PENALIZZATA DA GABELLECHE APPLICATE DALLO STATO, DAL COMUNE, DALLA REGIONE ACHE DECURTANO ALLEGRAMENTE LA MIA CAPACITA’ DI REDDITO, BISOGNEREBBE ATTIVARE CONTROLLI COSTANTI E CAPILLARI CHE GARANTISSERO IL CORRETTO UTILIZZO DI TALI CIFRE DA RAPINA !! A CHI RIVOLGERSI PER DIFENDERCI ??

    Avatar PIERA 10 Luglio 2019 20:42 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu