Ferrovie turistiche al via: una delle più belle è in Campania

Valentina Cosentino
Ferrovie turistiche al via: una delle più belle è in Campania
5 (100%) 1 vote

E’ stata approvata alla Camera la legge che istituisce le Ferrovie Turistiche d’Italia che prevede il riuso di vecchie linee ferroviarie in disuso per fini turistici in aree di pregio naturalistico ed archeologico.

I rami individuati sono 18 e uno dei più interessanti e suggestivi da un punto di vista paesaggistico è proprio in Campania.

Si tratta della linea Avellino-Lioni-Rocchetta Sant’Antonio che  era stata riaperta in via sperimentale nell’ agosto del 2016 in occasione dello Sponz Fest di Calitri la kermesse artistica diretta da Vinicio Capossela.

Costruita già a partire dal 1889,  il suo tracciato completo, dopo svariate peripezie che ne rallentarono i lavori, fu inaugurato solo nel 1895 anche grazie all’allora ministro Francesco De Sanctis. I suoi 120 km attraversano ber tre regioni: Campania, Basilicata e Puglia attraverso  le valli del Sabato, del Calore e dell’Ofanto passando dai 217 metri s.l.m. di Rocchetta ai  672 metri s.l.m. di Nusco. Interessanti da un punto di vista ingegneristico i ponti e viadotti metallici che attraversa nel suo percorso. Purtroppo la linea, nata con l’idea di stimolare lo sviluppo delle zone rurali che attraversa non ha mai sortito l’effetto sperato, anche a causa del suo tracciato molto impegnativo, seppure di ineguagliabile bellezza, ed il suo traffico fu sempre limitato ad un servizio sopratutto locale.

Lungo il percorso si incontrano 31 stazioni, 58 tra viadotti e ponti metallici e 19 gallerie, manufatti di pregevole -e talvolta unico- valore architettonico e ingegneristico.

Per “salire in carrozza” manca solo il via del Senato.



Comments to Ferrovie turistiche al via: una delle più belle è in Campania

  • …già! Ci auguriamo che questo progetto non finisca nel limbo, come tutti i progetti ideati per il sud, privilegiando tutto quello che si trova al di sopra del Lazio.

    Linda altrui 26 gennaio 2017 10:56 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu