Feltri denigra il sud: dal comune al mondo della cultura le azioni legali contro il giornalista

Valentina Cosentino

 

Al centro della polemica e delle azioni legali  nei confronti del giornalista Vittorio Feltri non c’è solo il tweet su Napoli, ma anche le dichiarazioni conto i meridionali rilasciate nel corso della trasmissione del 21 aprile 2020, condotta da Mario Giordano su Rete4 in cui il giornalista dichiarava “inferiori” tutti i meridionali.

 

Tante sono state le segnalazioni arrivate allo sportello del Comune di Napoli “Difendi la città” in merito all’attività denigratoria reiterata da parte del giornalista. Rispondendo alle sollecitazioni dei cittadini il Comune ha chiesto l’intervento dell’Avvocatura Generale per intraprendere le dovute azioni legali.

 

Non solo, ma è stato inviata anche una richiesta al Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Alessandro Galimberti, di farsi portavoce presso il Consiglio di disciplina territoriale per provvedimenti sanzionatori nei confronti di Feltri.

 

Così Flavia Sorrentino, delegata del Comune di Napoli  e responsabile dello Sportello Difendi la Città: “Abbiamo interpellato immediatamente gli uffici della nostra avvocatura perché non possiamo consentire che restino impunite affermazioni inaccettabili contro i cittadini campani e meridionali.  Napoli è capoluogo della Regione Campania e capitale morale del Mezzogiorno e la sua reputazione non può essere infangata da personaggi noti attraverso le televisioni nazionali seguite da milioni di spettatori. Nei prossimi giorni, l’Osservatorio Difendi la Città, incontrerà in via telematica il Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, Carlo Verna, per confrontarsi su possibili azioni congiunte contro la narrazione stereotipata e denigratoria di Napoli, che nell’emergenza Covid-19 è emersa con enorme risalto.  Non ci fermeremo  fino a quando non sarà garantito il rispetto che la nostra città e il nostro popolo meritano“.

 

Per un’azione legale nei confronti del giornalista si sono mossi anche lo scrittore Maurizio De Giovanni e il Senatore Sandro Ruotolo che hanno conferito mandato all’Avv. Prof. Francesco Barra Caracciolo di promuovere ogni azione giudiziaria sia in sede civile che penale a tutela dei diritti fondamentali delle persone della Campania e del Meridione d’Italia gravemente lesi in riferimento alla Legge Mancino n. 122/1993 che punisce le manifestazioni di odio anche verbale nei confronti delle persone.

 

Sul tema è duramente intervenuto anche il Sindaco di Napoli durante la trasmissione ” Barba & Capelli”  su Radio Crc, oltre alle azioni già intraprese, il sindaco annuncia l’azione legale del comune nei confronti di Vittorio Feltri.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu