Felice Sciosciammocca, un personaggio comico del teatro napoletano

Creato da Eduardo Scarpetta, il personaggio di Felice Sciosciammocca trovò in Totò uno dei suoi più grandi interpreti.

Arte e Cultura
Articolo di , 13 Apr 2023
1865
Foto dal film Miseria e Nobiltà

Creato da Eduardo Scarpetta, il personaggio di Felice Sciosciammocca trovò in Totò uno dei suoi più grandi interpreti. Tra le scene più esilaranti della storia cinema italiano, non può non annoverarsi quella in cui, nel film Miseria e Nobiltà, tratto dalla omonima commedia teatrale di Eduardo Scarpetta, il grande Antonio de Curtis, nei panni dello squattrinato scrivano Felice Sciosciammocca, povero ed affamato, salta su una tavola imbandita di ogni ben di Dio, infilando gli spaghetti nelle tasche della giacca lisa.

Il personaggio fu creato da Eduardo Scarpetta

Tuttavia, la maschera di Felice Sciosciammocca, non fu inventata dal principe della risata, ma dal commediografo Scarpetta il cui intento era di creare un personaggio diverso dal ben più antico Pulcinella, furbo e triviale, tipica rappresentazione della plebe napoletana. Già il nome Sciosciammocca, suscita il sorriso dello spettatore.

Città Sommersa di Baia, ritrovato il tempio dei Nabatei

Che significa sciosciammocca?

Nella lingua napoletana, “sciosciammocca” indica “colui che rimane a bocca aperta”, ovvero una persona che si lascia soffiare in bocca, quindi un credulone, un ingenuo facile da raggirare.
Successivamente il personaggio, grazie all’abilità dello Scarpetta, si evolse trasformandosi da coprotagonista, la c.d. “spalla”, al fianco di Pulcinella, all’epoca impersonificato dall’attore e regista Antonio Petito, uno dei più celebri interpreti della maschera teatrale partenopea, in protagonista di svariate commedie.

Nel tempo, da sciocco credulone, il personaggio di “Feliciello” assunse sempre più le caratteristiche del Pulcinella, dalla scaltrezza all’acume, senza tuttavia mai immedesimarsi con la classe popolare napoletana.

Lo Sciosciammocca motteggiava la classe borghese

Scarpetta infatti intendeva mettere in scena un nuovo personaggio che ben rappresentasse la nuova classe medio borghese napoletana, ben lontano dal popolino di cui Pulcinella era massimo esponente; una classe sociale, quella borghese, in ascesa, che, oggetto di attenta osservazione da parte del commediografo, gli fece affermare “dove infatti se non in mezzo a questo ceto, così caratteristico e così dissimile nella sostanza e nell’apparenza, io avrei trovato maggior campo di studio e di osservazione, più svariata ricchezza di tipi, di figure, di macchiette, terreno più fertile di intrighi e di comici episodi, esagerazioni, pregiudizi, difetti più acconci, alla satira e alla caricatura?

Come appariva in scena lo Sciosciammocca?

Pertanto, lo Sciosciammocca appariva in scena indossando un cilindro in testa, un abito a quadretti corto e liso, il papillon, il bastone da passeggio, le scarpe lucide vistosamente grandi; degli abiti che rappresentavano caricaturalmente il tipico esponente della piccola borghesia, meno plateale nella gestualità e nelle movenze rispetto a Pulcinella, ma pur sempre pronto a creare situazioni equivoche e spesso comiche.

Totò interpretò per ben 3 volte lo Sciosciammocca

Tuttavia, il grande pubblico legò il personaggio di Feliciello Sciosciammocca alla figura di Totò che nelle tre rappresentazioni in Un turco napoletano (1953), Miseria e nobiltà (1954) e Il medico dei pazzi (1954), ne diede una rappresentazione magistrale ed indimenticabile.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...