Il fascino suggestivo della Festa di Sant’Anna a Ischia

Il fascino suggestivo della Festa di Sant’Anna a Ischia
5 (100%) 1 vote

Il 26 luglio a Ischia si festeggia Sant’Anna con una sfilata di barche allegoriche, l’incendio del Castello Aragonese e magici fuochi d’artificio.

Ogni anno a Ischia si svolge la Festa a mare agli Scogli di Sant’Anna, una manifestazione che consiste nella sfilata di barche che rappresentano allegoricamente episodi, storie, miti e personaggi legati all’Isola di Ischia, seguita dall’incendio del Castello Aragonese, che viene illuminato da fiaccole rosse simboleggianti i numerosi attacchi saraceni. Lo spettacolo si conclude con dei magici fuochi pirotecnici che grazie alla loro bellezza lasciano gli spettatori senza fiato.

Come nasce la Festa di Sant’Anna?

Tradizione vuole che il 26 luglio di ogni anno, nel giorno di Sant’Anna, le donne incinte andassero in processione alla cappella della Baia di Cartaromana, posta sul lato ovest del Castello di Ischia, per invocare la protezione della Patrona affinché la gravidanza procedesse senza problemi, mentre le donne che non avevano figli chiedevano il dono della fertilità. Il corteo era accompagnato da una sfilata di barche di pescatori che, per l’occasione, addobbavano lo scafo con frasche e ghirlande di fiori. Nel 1932 ad un gruppo di amici venne in mente di istituire un premio per la barca più bella, che poi si trasformò in una gara tra piattaforme galleggianti (dette carri) addobbate secondo un tema che varia anno per anno, dando così origine alla processione detta “Il Palio di Sant’Anna”.

La sfilata, che parte dal Castello Aragonese fino alla Chiesetta dedicata a Sant’Anna, viene attentamente seguita da una giuria che ha il compito di decretare la barca più bella e ben fatta. Lo spettacolo avviene nel mezzo di una scenografia unica, grazie alla quale il pubblico seduto in scogliera può godere di un’esperienza imperdibile ed indimenticabile.

“Il mare e i suoi viaggi”

La festa di quest’anno è incentrata sul tema del viaggio, inteso come viaggio di speranza dal passato al futuro, che ha per soggetto tutti i viaggiatori, compresi turisti e migranti. Si tratterà nel particolare del viaggio mitico per eccellenza, l’Odissea, il cui protagonista Ulisse vaga incessantemente alla ricerca di una via per far ritorno alla sua amata Itaca. A costruire le imbarcazioni saranno quattro associazioni che avranno il compito di reinterpretare il tema dando libero sfogo alla propria creatività ed originalità.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu