De Luca tuona: obbligo di mascherine “Chi non la indossa è una bestia”

Valentina Cosentino

 

Un primo maggio di lavoro per il Presidente della Regione Vincenzo Luca che in diretta Fb ribadisce le norme che saranno in vigore da lunedì in Campania e invita tutti alla prudenza in vista dell’inizio della fase 2. Presto sarà pronta la nuova ordinanza per regolamentare la ripresa.

 

Queste le parole del Governatore: “Voglio insistere su una cosa: dobbiamo essere rigorosi sull’obbligo di indossare mascherine fuori casa e se è possibile rispettare il distanziamento sociale. E’ indispensabile e noi saremo rigorosissimi con un’ altra ordinanza: c’è obbligo di indossare mascherina altrimenti ci sono le sanzioni…. Chi non la indossa  è una bestia, perchè non ha rispetto per gli anziani, per i bambini e per un lavoro immane che abbiamo fatto come Regione per mettere in condizione tutti di avere la mascherina“.

Invita al rispetto delle norme ed esorta i sindaci a coadiuvare i controlli.

Continua il presidente: “I sindaci hanno il potere e il dovere di far rispettare l’ordinanza della Regione Campania che impone l’obbligo delle mascherine: vale per le forze dell’ordine ma anche per i sindaci, che io ringrazio. Tantissimi sindaci hanno collaborato e segnalato situazioni di emergenza altri se ne infischiano e non è possibile. Quindi organizziamo i servizi di pattugliamento della polizie municipali: noi interverremo con le forze dell’ordine“.

Intollerabile è anche il mancato rispetto da parte di chi corre senza mascherina in mezzo a persona più fragili come anziani e bambini che secondo norma passeggia. Rimarca dunque l’impossibilità al momento di conciliare il jogging con l’uso obbligatori della mascherina ed assicura che sono allo studio soluzioni per trovare aree separate per garantire ai runner di correre senza mascherina.

 

Queste le accorate parole del Presidente: Se vediamo nelle pubblicità belle ragazze toniche che corrono con i vestiti aderenti sono cose che ti consolano, ma ho visto vecchi cinghialoni della mia età che correvano senza mascherine, con la tuta alla caviglia, una seconda alla zuava, i pantaloncini sopra, che facevano footing in mezzo ai bambini. Andrebbero arrestati a vista. Abbiamo consentito l’attività motoria individuale compatibile con l’uso delle mascherine, non la corsa. Capisco che è una limitazione ma ho visto gente fare footing in mezzo alle famiglie, e questo non è possibile. E’ tanto grande il sacrificio di aspettare due settimane e vedere cosa succede? Intanto è consentita la passeggiata, fatela veloce ma con le mascherine. In futuro sarà opportuno individuare aree dedicate, parchi urbani o isole pedonali, per consentire anche la corsa senza mascherina. Ma immaginare gente che va sputacchiando goccioline di saliva mentre ci sono bambini o anziani che passeggiano è intollerabile”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu