Dal primo giugno ristoranti aperti al chiuso. Le regole da rispettare

Dal primo giugno l'ultimo decreto legge permette l'apertura di ristoranti e bar con tavoli al chiuso. Le regole da rispettare continuano ad essere in vigore per mantenere la sicurezza.

News
Articolo di , 01 Giu 2021

Dal primo giugno, per decreto legge, riaprono ristoranti e bar con sale al chiuso. Un sospiro di sollievo per ristoratori e un settore intero che soffre dall’inizio della pandemia da Covid-19. L’Rt in continuo abbassamento, la campagna vaccinale che corre e l’aiuto della stagione estiva permettono finalmente un assaggio di normalità.

Tuttavia, se gioire è obbligatorio, essere prudenti è necessario. Le riaperture non implicano una totale assenza di regole, anzi, il rispetto dei presidi di sicurezza diventa sempre più necessario per mantenere la situazione sotto controllo. Vediamo, quindi, quali saranno le regole per ristoranti e locali al chiuso.

  • bar e ristoranti potranno riprendere regolarmente l’attività al chiuso, sia con servizio al tavolo che al banco, nel rispetto dell’orario del coprifuoco, quindi con chiusura alle 23:00 fino al 6 giugno ed alle 24:00 dal 7 al 21, quando cesserà il coprifuoco
  • E’ obbligatorio mantenere aperte, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo consentano, porte, finestre e vetrate al fine di favorire il ricambio d’aria naturale negli ambienti interni.
  • Per la consumazione al banco assicurare il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale. Detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.
  • Negli esercizi che somministrano pasti, registrare generalità e numero di telefono di almeno un cliente per tavolo, e conservare i dati per 14 giorni
  • disporre i tavoli in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti di tavoli diversi
  • Mettere a disposizione dei clienti prodotti igienizzanti per le mani all’ingresso del locale e dei servizi igienici
  • Adottare misure per evitare assembramenti all’esterno del locale e delle sue pertinenze
  • Esporre un cartello che indica il numero massimo di clienti che possono essere contemporaneamente accolti all’interno dei locali
  • Il personale ed i clienti dovranno sempre indossare la mascherina; i clienti potranno toglierla solo quando sono seduti al tavolo o durante la consumazione al banco
  • favorire la consultazione online del menu tramite soluzioni digitali, oppure predisporre menu in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...