Da Napoli parte il progetto sulle tartarughe 007 del mare

Valentina Cosentino
Da Napoli parte il progetto sulle tartarughe 007 del mare
5 (100%) 1 vote

La Stazione Zoologica Anton Dohrn è da sempre impegnata nello studio e nel recupero  delle tartarughe Caretta Caretta, vero e proprio centro di eccellenza livello mondiale per questo tipo di indagini e di studi oceanografici. Parte in questi giorni un nuovo progetto che interessa proprio queste tartarughe che sono tra le specie maggiormente rappresentate nel mediterraneo occidentale.

Roberto Danovaro, presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn, racconta il nuovo progetto: “Utilizzeremo la tartaruga come una piattaforma mobile per fare rilievi oceanografici. Le tartarughe, sembrano animali lenti e indifesi, invece sono il simbolo della resilienza. Possono vivere fino a 70 anni (quelle delle Galapagos anche fino a 150) e possono percorrere anche 10 mila chilometri all’anno. La vera innovazione del nostro centro è usarle come navicelle oceanografiche, grazie a sensori microscopici montati sui carapaci. Con costi molto bassi raccogliamo dati indispensabile per lo studio e la difesa del mare. Una nave di ricerca costa dai 15 mila ei 55 mila euro al giorno, ma le hanno solo le superpotenze. Noi abbiamo le tartarughe: 007 dell’oceano”.

Ben 200 persone tra ricercatori e tecnici scientifici, guidati  da Sandra Hochscheid seguiranno il percorso delle tartarughe oggetto dello studio. Nell’ambito del progetto verrà anche aperto a Portici un nuovissimo Turtle point che a breve aprirà a Portici, nella struttura dell’ex macello.

Fonte e foto Repubblica.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu