Crollo delle temperature su Napoli e Campania. Ecco quando

Grande Napoli

Giungono importanti aggiornamenti in vista della PROSSIMA SETTIMANA. Già da dalla giornata di Lunedì ci aspettiamo un GRAN STRAVOLGIMENTO, poi nella seconda parte addirittura un CICLONE di origine POLARE potrebbe investire il nostro Paese riportando anche la NEVE fino a quote basse. Scopriamo subito la previsione giorno per giorno.

Come emerge dalle mappe meteo a nostra disposizione, nel corso di lunedì 9 dicembreassisteremo a un gran STRAVOLGIMENTO a causa dell’ingresso di correnti fredde ed instabili in discesa dal Nord Europa. Sulle regioni del Centro-Sud, specie su quelle del versante tirrenico, avremo piogge e rovesci, anche a carattere temporalesco, tra Toscana, Lazio, Campania e Calabria.

Attenzione anche alle raffiche burrascose di Maestrale a quasi 90 km/h sulla Sardegna (specie sulle bocche di Bonifacio) in estensione poi al resto dei bacini meridionali. Possibili quindi locali mareggiate lungo le coste più esposte.

 

La PROSSIMA SETTIMANA si preannunciascoppiettante dal punto di vista meteorologico con IMPORTANTI NOVITÀ emerse dagli ultimi aggiornamenti. Già da lunedì ci aspettiamo infatti VENTO forte e TEMPORALI, poi da metà settimana prende sempre più piede l’ipotesi del passaggio di un CICLONE in grado di portare la NEVE fino in pianura.
copriamo subito tutti i dettagli e cosa aspettarci con la previsione giorno per giorno.

Partendo dalla giornata di lunedì 9 dicembre diciamo subito che assisteremo a un primo grande stravolgimento a causa dell’ingresso di correnti fredde ed instabili in discesa dal Nord Europa. Sulle regioni del Centro-Sud, specie su quelle del versante tirrenico, avremo piogge e rovesci, anche a carattere temporalesco, tra Toscana, Lazio, Campania e Calabria. Possibili temporali poi anche su Emilia Romagna e Sardegna dove soffieranno raffiche burrascose di Maestrale a quasi 100 km/h (specie sulle bocche di Bonifacio), in estensione poi al resto dei bacini meridionali. Possibili quindi locali mareggiate lungo le coste più esposte.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu