Covid, vaccino Johnson & Johnson: le raccomandazioni dell’AIFA

News
Articolo di , 21 Apr 2021

 

Dopo la battuta d’arresto relativa alle verifiche di farmacovigilanza su casi di trombosi cronologicamente successivi all’assunzione del vaccino statunitense, l’EMA ha dato approvazione ieri pomeriggio a riprendere la distribuzione del medicamento.

Medesimo razionale seguito nel caso AstraZeneca: i benefici sono superiori ai potenziali danni indotti dall’inoculazione.

 

È accaduto ieri, allorché, durante la sua riunione, il Comitato per la sicurezza dell’EMA (PRAC) ha raggiunto la conclusione per cui un’avvertenza per insoliti coaguli di sangue con piastrine basse va aggiunta alle informazioni sul prodotto. Questi eventi dovrebbero essere indicati come effetti collaterali molto rari del farmaco.

 

La sicurezza e il benessere delle persone che usano i nostri prodotti sono la nostra massima priorità. Apprezziamo la rigorosa revisione del PRAC e condividiamo l’obiettivo di accrescere la conoscenza dei segni e dei sintomi di questo evento molto raro per garantire una diagnosi corretta e un trattamento appropriato“, così si è espresso Paul Stoffels, Vice Presidente del Comitato esecutivo e Chief Scientific Officer di Johnson & Johnson.

 

Ed è così che, a seguire questa decisione, da oggi saranno distribuite 184.000 dosi di vaccino Janssen stoccate sinora nell’hub vaccinale della Difesa di Pratica di Mare, alle porte di Roma, in base a quanto stabilito dal generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid.

 

Un momento importante, se consideriamo che il vaccino è facilmente conservabile, ed è monodose: l’aspettativa è che la sua distribuzione possa davvero innescare un’accelerata nella campagna di immunizzazione nelle prossime ore.

 

Come per AstraZeneca, questo vaccino è maggiormente indicato  per gli over 60.

Nello specifico, in una nota contestualmente firmata da Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Nicola Magrini, direttore generale AIFA, e Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione al Ministero della salute, leggiamo: “Il vaccino Janssen, il cui uso è approvato a partire dai 18 anni di età, dovrà essere preferenzialmente somministrato a persone di età superiore ai 60 anni, ovvero a coloro che, avendo un rischio elevato di malattia grave e letale, necessitano di essere protette in via prioritaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...