Covid, fiere e sagre ripartono dal 15 giugno: tutte le regole

Un nuovo passo verso la ripresa economica e sociale: tutto quello che occorre sapere.

News
Articolo di , 04 Giu 2021

Un ulteriore passo verso una ritrovata normalità: a partire dal 15 giugno nelle regioni che sono in zona bianca e gialla riprendono fiere e sagre, in allineamento alle linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali stabilite dalla Conferenza delle Regioni.

Scrupolosa dovrà essere l’adesione alle norme anti-Covid, rispettando un protocollo rigido.

In tal senso occorre una segnaletica chiara che indichi ai partecipanti i comportamenti da seguire. Così come risulterà estremamente importante la presenza di personale formato, che possa monitorare i visitatori ed eventualmente dispensare informazioni su cosa è possibile fare e cosa no.

Obiettivo fondamentale è scongiurare la formazione di assembramenti: in tal senso la riorganizzazione degli spazi dedicati a fiere ed eventi appare imprescindibile, garantendo la distanza minima di sicurezza tra le persone che non appartengono allo stesso nucleo familiare, o comunque non conviventi.

Sempre nelle linee guida è indicato in modo esplicito che va definito un numero massimo di presenze in contemporanea ed in relazione ai volumi di spazio, ricambio d’aria e possibilità che si creino aggregazioni indesiderate.

Se nel contesto di fiera o sagra sono contemperati posti a sedere, questi vanno distanziati di un metro almeno, o di 2 metri in caso di maggior rischio correlato allo stato dell’arte dell’epidemia.

Prevista la possibilità di misurare la temperatura corporea, che non dovrà superare i 37,5 gradi pena l’impossibilità di entrare. Auspicata, inoltre, la separazione tra percorsi d’entrata e d’uscita, così come indicato sempre nelle linee guida.

Sono previste barriere fisiche in reception ed alla cassa. In caso contrario, il personale dovrà indossare la mascherina ed avere a portata di mano il gel igienizzante per le mani.

Il gel dovrà essere presente nelle aree sia di ingresso che di uscita, così come in quelle di pagamento e nelle toilette. Sia per visitatori che personale. Inoltre, nel caso in cui l’utente debba manipolare un qualsivoglia oggetto dovrà prima procedere alla disinfezione.

Per quanto concerne le mascherine, tutti i visitatori (tranne i bambini al di sotto dei 6 anni) dovranno indossarle per proteggere le vie aeree.

Alta frequenza di pulizia, infine, prevista per gli ambienti, in particolare le aree che risultano a maggior affollamento. Ed indubbiamente sarà consigliato tenere le finestre aperte per favorire il ricircolo d’aria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...