Coronavirus: la Campania si prepara all’emergenza sanitaria

Valentina Cosentino

Con gli ultimi tamponi effettuati ieri (e di cui si attende la conferma da Roma) i contagiati in Campania arrivano a 38.

 

La Campania, tuttavia, già dal 27 febbraio, con un decreto del presidente della Regione, Vincenzo De Luca, sta predisponendo un articolato piano per gestire l’eventuale emergenza sanitaria.

 

Del gruppo di lavoro fanno parte 33 persone coordinate da Italo Giulivo, direttore generale per la Protezione civile della Regione.

 

Il piano prevede la diffusione di una due bollettini giornalieri di aggiornamento sui per evitare che si diffondano false notizie sul reale numero di diffusione del contagio.

 

Il Cotugno di Napoli, in quanto specializzato in malattie infettive, è il centro deputato nella regione per gestire l’emergenza in prema battuta, qui si può arrivare fino a 200 tamponi giornalieri, attualmente ne vengono effettuati tra i 90 e i 100.

 

Nell’intera regione sono disponibili oltre 350 posti letto in rianimazione. Ai sindaci è delegata la decisione di gestire le emergenze localmente in merito alle eventuali persone da mettere in quarantena.

Proprio a questo proposito il Ministero della Difesa mette a disposizione caserme e locali adatti per smaltire sovraffollamenti negli ospedali.

Tende per il pre – triage fuori gli ospedali sono state montate per evitare il sovraffollamento nel pronto soccorso e garantire una migliore gestione dell’emergenza.

 

La Regione, dunque, ha predisposto per quanto possibile al momento, ogni operazione finalizzata a sostenere i cittadini per evitare nuovi contagi e garantire assistenza medica.

 

Fonte: ilMattino.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu