Core ‘ngrato (Cardillo-Cordiferro)

Spettacolo
Articolo di , 14 Mar 2009

Sicuramente scritta per una voce come quella di E.Caruso, questa canzone e’ stata cantata da tutti i più grandi cantanti lirici (ci sono versioni di Tito Schipa e Jose’ Carreras). Ma nessuno ha raggiunto, e mai raggiungera’, la perfezione e l’eleganza di Caruso che aveva, per questa canzone, un vero amore. La cantava sempre ed ovunque.

Fu scritta quasi per gioco da Alessandro Sisca (vero nome di Cordiferro), figlio di napoletani, che viveva a New York. Per lo stesso motivo Cardillo la musicò. Nasceva così, forse, l’unica canzone napoletana che da New York venne a Napoli per il suo grande successo. Unica nota stonata era l’avversione che il suo autore Cardillo aveva. La definiva “porcheriola”. Quasi un errore fatto, per lui che scriveva grandi opere.

Qui di seguito alcune grandi versioni prese da youtube.it

 

 

Catarì, Catarì,
pecche’ me dice sti parole amare?
pecche’ me parle, e ‘o core me turmiente,
Catarì?
Nun te scurda’ ca t’aggio dato ‘o core,
Catarì, nun te scurda’!
Catarì, Catarì,
che vene a dicere
stu parla’ ca me da spaseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio
tu nun ce pienze, tu nun te ne cure.
Core, core ‘ngrato,
t’haie pigliato ‘a vita mia,
tutt’e’ passato
e nun ce pienze cchiu’!

Catarì, Catarì
tu nun o saie ca ‘nfino int”a na chiesa
io so’ trasuto e aggio priato a Dio,
Catarì
e ll’aggio ditto pure a ‘o cunfessore
I’ sto’ a suffrì pe chella lla’!
Sto a suffrì, sto a suffrì
nun se po credere
sto’ a suffrì tutte li strazie
e ‘o cunfessore ch’e’ persona santa
m’ha ditto: figlio mio, lassala sta’, lassala sta’!
Core, core ‘ngrato
t’hai pigliato a vita mia…..


Una replica a “Core ‘ngrato (Cardillo-Cordiferro)”

  1. john picone ha detto:

    grazie, ma, lei puo dirme, per favore, le parlole giuste, ch’a cantato caruso? non sono questi, che avete scrito qui. la secunda partita della canzone e differente (questi sono le parole di “Ricordi” della “sheet music”, non sono le parole di Caruso.
    io non parlo italiano, me io sento questi quando ascolto:
    “I so trasuto e subri o…” “e l’aggio dito caro su dolore catari, a mori a mori” “Sto a suffri tutte li stelle” “eo cunfessore che la cosa fanta, cca stesso la detto sta congrazio la companne…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...