Conferimento dei rifiuti ingombranti nel Comune di Napoli: tutto quello che c’è da sapere

Avatar

Quando ci si ritrova alle prese con un divano, una lavatrice o una lavastoviglie da smaltire, non è tutto così semplice come nel caso di rifiuti del tipo di vetro, umido o carta, gestibili attraverso la raccolta differenziata.

In effetti, si tratta di materiali che occupano parecchio spazio e che creano non pochi problemi, soprattutto in contesto di sostituzione. Sebbene molte aziende concedano, ormai, il ritiro dell’usato al momento del trasporto e dell’eventuale installazione della merce nuova, può essere utile sapere come muoversi per conferire in maniera del tutto gratuita ed autonoma i propri materiali ingombranti.

Rifiuti ingombranti: quali sono?

Innanzitutto c’è da chiarire in maniera inequivocabile quali siano i rifiuti considerati ingombranti dalla ASIA, la ditta che si occupa dei servizi di igiene ambientale nel Comune di Napoli.

Come si legge sul portale web dedicato, appartengono a questa categoria tutti i rifiuti del tipo di: elettrodomestici, come lavatrici, cucine, lavastoviglie, forni a microonde, congelatori, computer, stampanti, scanner, telefoni cellulari e apparecchi elettronici di ogni genere, mobili, come scrivanie, sedie, librerie, letti, reti, materassi, comodini, armadi, poltrone, divani, etc, e oggetti voluminosi di altro tipo, come biciclette, sci, pattini etc.

In particolare, frigoriferi e condizionatori possono essere smaltiti solo presso le Isole Ecologiche Complete, quelle aree, cioè, attrezzate per la raccolta e l’avvio al recupero dei rifiuti che, non essendo Ridotte, non hanno alcun vincolo sul numero di pezzi accettabili.

Lo smaltimento

Per lo smaltimento di questo tipo di rifiuti, il Comune di Napoli prevede il prelievo gratuito a domicilio attraverso una semplice telefonata al numero verde 800.161010 (dalle 08.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì e dalle 09.00 alle 13.00 il sabato) oppure una prenotazione online: in ogni caso, risponderà lo staff di un call center dedicato che indicherà le tempistiche e le procedure per portare il materiale strada, in generale all’ingresso del palazzo di residenza o, al massimo, all’entrata del parco o della traversa in cui si abita. Sarà cura delle Isole Ecologiche mobili (gli Ecopunti Mobili/autoveicoli attrezzati per la raccolta e l’avvio al recupero di materiali elettrici ed elettronici) a ritirare poi, il tutto, entro il mattino seguente.

Tuttavia, se si ha fretta e si ha modo di trasportare questi mobili o dispositivi attraverso un veicolo sufficientemente attrezzato o ampio, è possibile muoversi in completa autonomia riferendosi alle Isole Ecologiche fisse preposte.

Per consentire un servizio sempre efficiente, il limite previsto per il singolo conferimento è di 3 pezzi per volta.

Una procedura, insomma, semplicissima e gratuita, fondamentale in ottica decoro urbano ed ecologia: alcuni materiali ingombranti, infatti, sono anche particolarmente dannosi per l’ambiente e possono essere riciclati soltanto attraverso lavorazioni ad hoc in carico ad ASIA.

Ma, proprio in tema sostenibilità, c’è una raccomandazione da fare, che va a braccetto anche con l’economia domestica.

Economia, ambiente e riciclo

Molto spesso può capitare di considerare irrimediabili dei danni che, invece, non lo sono affatto.

Un divano macchiato o rovinato può essere rifoderato, una lavatrice che ha smesso di funzionare bene può essere riparata e tornare a svolgere le sue funzioni, anche per diversi anni. In fondo, non bisogna dimenticare che moltissimi elettrodomestici lavorano a stretto contatto con l’acqua e, quindi, con il calcare, le impurità oppure il grasso: una corretta manutenzione è tutto ciò che serve, nella stragrande maggioranza dei casi, per allungare la vita dei vostri dispositivi.

Dispositivi che, tra l’altro, sono sempre più moderni, innovativi e costosi e che non vale la pena sostituire o buttare per qualche malfunzionamento, soprattutto quando sono ancora in garanzia.

Il modo migliore per approcciarsi a questo tipo di situazioni, quindi, è andare per gradi: controllare se vi siano problemi di sporco o di impurità accumulatasi in qualche punto focale, riferirsi ad un buon centro assistenza e riparazione elettrodomestici per valutare l’eventuale danno e, soltanto una volta decretato un guasto irreparabile contattare l’ASIA per il ritiro gratuito.

Il vostro portafoglio e il pianeta vi ringrazieranno!



Avatar
https://www.facebook.com/SimoNetOnTheNet

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor freelance. Tutor di Matematica e Fisica. Napulegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu