Clima impazzito, arriva un‘impennata termica. Ecco quando

Grande Napoli
Vota questo articolo

Nonostante le perturbazioni atlantiche avanzino con maggior decisione verso l’Italia, la situazione climatica non fa ancora registrare importanti mutamenti su scala generale. Le alte pressioni nord africane sono ancora molto forti sull’area mediterranea e ci vorrà ben altro delle modeste e timide perturbazioni, le quali, per altro, lambiscono solo l’area più settentrionale del nostro Paese. Anzi, proprio una di queste, attesa per la giornata di Giovedì, sarà responsabile di un’ulteriore impennata dei termometri. Vediamo perché e quali saranno le regioni maggiormente colpite.

 

Intanto, come detto, almeno per oggi e domani, le temperature continueranno a rimanere su valori superiori alla media del periodo su gran parte del Paese, complice anche la situazione di tempo discreto che continuerà ad avvolgere l’Italia. Oggi qualche timida diminuzione si potrà registrare solo sulle aree interne del centro e questo a causa di una maggior variabilitàche insisterà soprattutto nella prima parte del giorno e nelle primissime ore del pomeriggio.

 

Fra Mercoledì e Giovedì invece, un vortice di bassa pressione a nord della Francia, muoverà il suo asse verso est attivando un richiamo di correnti molto miti da Scirocco che colpiranno soprattutto il Sud Italia ed il medio e basso Adriatico. Sulle regioni meridionali, essenzialmente sulla Sicilia, fra Giovedì e Venerdì, le temperature massime potranno subire una vera e proprio impennata fino a raggiungere punte intorno ai 24-25°C. Moderato aumento, come detto, anche sul medio e basso Adriatico seppur con valori decisamente inferiori.

Al Centro, le temperature rimarranno abbastanza simili a questi giorni con massime intorno ai 15-16°C in particolare sui versanti tirrenici. Al Nord, il transito di una seconda perturbazione collegata al vortice di bassa pressione prima menzionato, porterà invece un nuovo calo delle temperature. Insomma, un clima che sembra impazzito con un assaggio d’estate sulla Sicilia ed un contesto climatico decisamente meno caldo sulle regioni settentrionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu